VIDEO | Malori post vaccini, Di Giosia: Astrazeneca dà problemi collaterali ma nella norma. Programmeremo meglio con USP per evitare gap scolastico

VIDEO | Malori post vaccini, Di Giosia: Astrazeneca dà problemi collaterali ma nella norma. Programmeremo meglio con USP per evitare gap scolastico
ekuonews.it ECONOMIA

Vaccineremo meno insegnanti alla volta”.

Mercoledì 24 dovrebbero partire a Teramo le vaccinazioni per gli over 80

– Sulla questione della vaccinazioni al personale scolastico dopo i malori registrati da taluni insegnanti (che ha visto gli stessi mettersi in malattia, costringendo alcune scuole alla chiusura anticipata) interviene il Direttore Generale della Asl Maurizio Di Giosia.

Adesso cambieremo rotta, ci sentiremo con l’Ufficio scolastico regionale per programmare la vaccinazione, evitando il gap odierno. (ekuonews.it)

La notizia riportata su altre testate

Ho il sospetto che questo vaccino dia fastidio perché costa troppo poco. L'Università di Oxford ha imposto l'idea che il vaccino è veramente un bene comune. (Corriere dello Sport.it)

Il russo Sputnik tenta di aggirare il problema usando due adenovirus diversi per prima e seconda dose: uno di scimpanzé e uno umano. L’efficacia del vaccino, con l’attesa lunga, passa all’81% rispetto al 55% di un richiamo effettuato a 6 settimane dalla prima dose. (la Repubblica)

Il funzionario dell'UE alla Reuters ha confermato che AstraZeneca prevede di erogare circa 40 milioni di dosi nel primo trimestre, ancora una volta meno della metà dei 90 milioni di dosi che avrebbe dovuto fornire Secondo il contratto di AstraZeneca con l'UE, l'azienda si era impegnata a fornire 180 milioni di dosi ai 27 paesi nel secondo trimestre, aggiunge il sito di Reuters. (Ticinonline)

Vaccino AstraZeneca, ecco perché potrebbe essere meglio aspettare tre mesi per la seconda dose

(LaPresse) – “L’epidemia finisce solo con i vaccini, i lockdown non servono a nulla perché, una volta riaperti, siamo al punto di prima. Lo dice a LaPresse Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi (LaPresse)

La lettera al commissario Arcuri è stata firmata dai direttori della Regione Umbria Claudio Dario, Sanità, e Stefano Nodessi, Infrastrutture e protezione civile Questo perché, spiegano, i tempi per somministrare la seconda dose sono "abbastanza lunghi" e dunque si può aspettare di rifornire le scorte "senza compromettere il secondo vaccino". (la Repubblica)

Von der Leyen arriverà alla discussione proponendo cinque aree su cui focalizzare il raggio d'azione, ha spiegato il vicepresidente dell'Esecutivo comunitario, Maros Sefcovic. Questo potrà stimolare nuove riflessioni sugli accordi di pre-acquisto con le varie case farmaceutiche, che in un futuro non troppo lontano potrebbero ottenere il via libera d'emergenza anche a livello europeo (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr