Vaccino anti-Covid ai malati di tumore: due dosi di Pfizer per avere efficacia

Vaccino anti-Covid ai malati di tumore: due dosi di Pfizer per avere efficacia
Corriere della Sera ECONOMIA

Vaccino sicuro per i malati. Numerosi studi scientifici hanno messo in evidenza che i malati con tumore sono più fragili ed esposti ai rischi maggiori delle conseguenze di Covid-19.

«Lo studio indica che due dosi sono meglio di una per dare immunizzazione - sottolinea Giordano Beretta, presidente nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) e responsabile dell'Oncologia Medica all'Humanitas Gavazzeni di Bergamo -. (Corriere della Sera)

Su altre testate

Dopo il caos AstraZeneca si o no per over 65 o meno, per i più giovani si prospetta l’alternativa Pfizer. Insieme a Pfizer, si fa largo anche l’ipotesi del vaccino Moderna per i giovani (La Luce di Maria)

«Finora abbiamo immunizzato da qualche parte circa 600 bambini», ha detto mercoledì Boaz Lev, capo della task force sui vaccini. unque è lecito prevedere che a giugno anche i ragazzi potranno accedere alla campagna di profilassi anti Covid. (ilmessaggero.it)

I risultati dello studio di fase 3 su duemila ragazzi tra i 12 e i 16 anni presentati da Pfizer sono incoraggianti, visto che il vaccino ha generato più anticorpi rispetto alla fascia d'età tra i 16 e i 25 Sono intanto attesi fra luglio e agosto i dati relativi all'efficacia e alla sicurezza del vaccino per le donne in gravidanza. (Today.it)

Pfizer e AstraZeneca, una persona su quattro manifesta effetti collaterali: ecco quali sono

Secondo i programmi, i primi a ricevere il vaccino saranno i più grandi e gradualmente si passerà ai più piccoli Per i bambini fra i 6 mesi e i 2 anni sta provando con tre dosaggi: 25, 50 e 100 microgrammi. (UdineToday)

Il vaccino Pfizer per i ragazzi «è esattamente lo stesso di quello somministrato in fasce di età più alta. Per quanto riguarda l'immunità, ha ricordato, «abbiamo dati su 6 mesi, a breve avremo i dati per ulteriori altri 6 mesi di osservazione degli individui arruolati nello studio (ilmessaggero.it)

Gli effetti collaterali sistemici (come mal di testa, debolezza, brividi, nausea, diarrea, febbre, dolori articolari e muscolari) sono stati segnalati dal 13,5% dei pazienti dopo la prima dose di Pfizer, dal 22% dopo la seconda di Pfizer, e dal 33,7% delle persone che avevano fatto la prima di AstraZeneca. (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr