Sinner e il problema del quinto set negli Slam: nona sconfitta su 15 partite

Sinner e il problema del quinto set negli Slam: nona sconfitta su 15 partite
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
OA Sport SPORT

Una sconfitta dolorosa per Jannik Sinner ai quarti di finale di Wimbledon. Il ragazzo di Sesto Pusteria si è arreso a Daniil Medvedev in una partita difficile ma anche condizionata da un malore tra secondo e terzo set. Una parziale giustificazione al ko odierno, con il numero 1 al mondo che non è apparso brillante come lo si era visto nelle altre partite. Però evidenzia anche un cattivo feeling al quinto set per l’allievo di Simone Vagnozzi (OA Sport)

La notizia riportata su altre testate

Leggi tutta la notizia Resta qualcosa su cui bisogna ancora lavorare. (Virgilio)

L’azzurro, numero uno del mondo e del seeding, ha ceduto di fronte al russo Daniil Medvedev, numero 5 del ranking internazionale e quinta forza del tabellone, col punteggio di 6-7 (7) 6-4 7-6 (4) 2-6 6-3. (Giornale di Sicilia)

Anche se a vincerlo dovessero essere Novak Djokovic o Carlos Alcaraz. L’eliminazione nei quarti di finale di Wimbledon per mano di Daniil Medvedev è sicuramente un risultato inaspettato e lascia anche un po’ di amaro in bocca. (la Repubblica)

Wimbledon, Sinner ko in 5 set: in semifinale va Medvedev

– Il cielo è grigio a Londra, Jannik Sinner è abbacchiato quando varca la porta della sala conferenze principale dell’All England Club. Roma, 9 lug. (Agenzia askanews)

Appena qualche giorno fa Jannik Sinner era stato colpito dal grave incidente capitato al suo amico e collega Hubert Hurkacz, durante il match contro Arthur Fils il ventisettenne ha riportato un problema al ginocchio che non gli ha permesso nemmeno di finire la gara. (Tshot)

Nonostante una prestazione altalenante, complice una condizione fisica non ottimale, Jannik ha dato fondo a tutte le risorse per tentare di ribaltare l’esito dell’incontro. Non da meno però è stato Daniil Medvedev Il match tra Sinner e Medvedev andato in onda in questo martedì pomeriggio di un piovoso luglio londinese, meriterebbe uno spunto dalla Metamorfosi kafkiana. (TennisItaliano.it)