Stellantis, primi segnali di rilancio in Cina - Quattroruote.it

Quattroruote ECONOMIA

Nel 2021, però, sono emersi i primi segnali di rilancio.

La Dongfeng Peugeot Citroën Automobile ha più che raddoppiato i numeri del 2020, vendendo oltre 100 mila veicoli.

Stellantis, per ora, si è limitata a parlare di “vendite record” per la Wrangler senza fornire ulteriori dettagli su altri modelli di una joint venture non facile da gestire visti gli ultimi sviluppi

Intanto, Stellantis comunica alcuni dati relativi alle joint venture cinesi ancora operative. (Quattroruote)

Su altre fonti

Per Bestinver Securities la forte ripresa delle vendite in Cina nel 2021 è una notizia positiva, così come la riorganizzazione del business aftermarket. Proprio ieri Stellantis ha annunciato di voler aumentare la partecipazione, oggi pari al 50%, nella joint venture in Cina con Guangzhou Automobile Group (Gac). (Milano Finanza)

Stellantis sta pianificando un aumento al 75% della sua partecipazione nella joint venture cinese con il Guangzhou Automobile Group (GAC), nata nel 2010. Comunque sia, la risoluzione della cosiddetta “questione cinese” è una priorità per Stellantis, a cui l’amministratore delegato Carlos Tavares dovrà riservare la maggior attenzione possibile. (Il Fatto Quotidiano)

GAC Group e Stellantis continueranno a collaborare strettamente tra loro per far crescere l’attività redditizia del marchio in Cina Nel settembre 2021, Stellantis ha annunciato che avrebbe creato un’organizzazione operativa semplificata “Stellantis Jeep” per sviluppare il marchio in Cina. (Calcio e Finanza)

Insomma qualche problemino con GAC sembra esserci. La società cinese però non è sembrata particolarmente entusiasta di questa notizia. (ClubAlfa.it)

L’azienda avanza in Cina, con la JV GAC e non solo, mentre attende di confermare gli impegni tricolori e, pare, si spostano finanziamenti vincolanti verso il Bel Paese. Oggi si parla di Stellantis non solo per la Tonale finalmente pronta, a brevissimo svelata, ma anche per la finanza e la politica. (Automoto.it)

L’accordo con GAC è soggetto all’approvazione del governo cinese. “La nota non è stata approvata da noi e il gruppo GAC se ne rammarica profondamente“: parole molto chiare (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr