Covid, No vax morto dopo aver rifiutato le cure: «Non voglio finire lessato nell'inferno dell'intensiva»

Covid, No vax morto dopo aver rifiutato le cure: «Non voglio finire lessato nell'inferno dell'intensiva»
Approfondimenti:
ilmattino.it INTERNO

Ogni tentativo, però, si è infranto contro le sue posizioni negazioniste.

I medici avevano fatto tutto il possibile per convincere il 60enne No -v ax che era stato ricoverato nel Covid Hospital di Vittorio Veneto.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

«Ce la farò lo stesso a guarire da questo virus, non voglio finire “lessato” nell’inferno della Terapia intensiva». (ilmattino.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Dieci, solo ieri, gli accessi in reparto al Ca’ Foncello di malati di Covid, tutti provenienti proprio dal comprensorio di Treviso Nord on un paio, ma addirittura dieci pazienti, tutti non vaccinati, che malgrado la saturazione bassa e la difficoltà a respirare hanno per ora rifiutato il ricovero. (ilgazzettino.it)

«Tre su quattro non erano vaccinati — spiega il primario —, solo uno aveva ricevuto anche la terza dose. Due pazienti hanno rifiutato l’intubazione fino all’ultimo, un uomo di 60 anni non ce l’ha fatta» (Corriere della Sera)

I medici avevano fatto tutto il possibile per convincere il 60enne No -v ax che era stato ricoverato nel Covid Hospital di Vittorio Veneto. Quanti pazienti avete ricoverato nella Terapia intensiva Covid di Vittorio Veneto? (ilgazzettino.it)

Covid, nella mente dei No cura: “La paura e il complotto”

«Si tratta di situazioni davvero complicate e difficili da gestire - conclude il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi - Quando i nostri medici propongono a questi pazienti il ricovero in terapia intensiva è perché non c'è altro modo per salvarli. (TrevisoToday)

Tutti i comuni Altivole Arcade Asolo Borso del Grappa Breda di Piave Caerano San Marco Cappella Maggiore Carbonera Casale sul Sile Casier Castelcucco Castelfranco Veneto Castello di Godego Cavaso del Tomba Cessalto Chiarano Cimadolmo Cison di Valmarino Codognè Colle Umberto Conegliano Cordignano Cornuda Crespano del Grappa Crocetta del Montello Farra di Soligo Follina Fontanelle Fonte Fregona Gaiarine Giavera del Montello Godega di Sant'Urbano Gorgo al Monticano Istrana Loria Mansuè Mareno di Piave Maser Maserada sul Piave Meduna di Livenza Miane Mogliano Veneto Monastier di Treviso Monfumo Montebelluna Morgano Moriago della Battaglia Motta di Livenza Nervesa della Battaglia Oderzo Ormelle Orsago Paderno del Grappa Paese Pederobba Pieve di Soligo Ponte di Piave Ponzano Veneto Portobuffolè Possagno Povegliano Preganziol Quinto di Treviso Refrontolo Resana Revine Lago Riese Pio X Roncade Salgareda San Biagio di Callalta San Fior San Pietro di Feletto San Polo di Piave San Vendemiano San Zenone degli Ezzelini Santa Lucia di Piave Sarmede Segusino Sernaglia della Battaglia Silea Spresiano Susegana Tarzo Trevignano Treviso Valdobbiadene Vazzola Vedelago Vidor Villorba Vittorio Veneto Volpago del Montello Zenson di Piave Zero Branco (La Tribuna di Treviso)

Ne parliamo con lo psicologo Oscar Miotti. Provare ad entrare nella loro mente per capire cosa li porti ad assumere posizioni così radicali, al punto da essere disposti a sacrificare la vita pur di non sottoporsi alle terapie ospedaliere, è una riflessione che merita di essere fatta con un esperto (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr