Vaccino anti-covid, riorganizzate dosi e sedi

Vaccino anti-covid, riorganizzate dosi e sedi
Altri dettagli:
AostaSera SALUTE

Aosta - Da domani, mercoledì 21 luglio 2021, la prima dose di vaccino anti Covid per i soggetti di età inferiore ai 60 anni candidati a vaccino ad mRNA sarà effettuata con i vaccini Pfizer o Moderna.

Da domani, mercoledì 21 luglio 2021, la prima dose di vaccino anti Covid per i soggetti di età inferiore ai 60 anni candidati a vaccino ad mRNA sarà effettuata con i vaccini Pfizer o Moderna in base alla disponibilità dei vaccini. (AostaSera)

Se ne è parlato anche su altre testate

Altre 98mila dosi, invece, sono Astrazeneca, il cui uso è anche limitato In Puglia sono state distribuite 37.600 dosi di vaccino Moderna e poco meno di 40mila sieri Pfizer saranno consegnati entro questo pomeriggio a tutte le Asl. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Lo ha riferito il responsabile della strategia dei vaccini dell'Agenzia europea dei medicinali (Ema). Al momento, secondo l'Ema, non risulta invece alcuna relazione causale fra miocarditi e pericarditi relativa ai vaccini di Janssen e Vaxzevria e il Comitato ha chiesto alle due aziende produttrici ulteriori dati (L'Unione Sarda.it)

° Gli operatori sanitari devono istruire i soggetti vaccinati a rivolgersi immediatamente al medico qualora dopo la vaccinazione sviluppino sintomi indicativi di miocardite o pericardite, quali dolore toracico, respiro affannoso o palpitazioni (Quotidiano Piemontese)

“Pfizer e Moderna, casi molto rari di miocardite nei 14 giorni successivi alla vaccinazione”

Come si difende il sistema immunitario. Il sistema immunitario è naturalmente progettato per combattere i virus. L'idea dietro il vaccino è di insegnare al nostro sistema immunitario come riconoscere subito un agente infettivo, senza però ammalarci veramente. (BolognaToday)

Efficacia due dosi Astrazeneca contro i sintomi da Covid. Due dosi di Astrazeneca proteggono dai sintomi della variante Delta all'60% secondo le ricerche in Gran Bretagna, al 61% in base a quelle scozzesi (ilmessaggero.it)

I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile. (Tuscia Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr