La Puglia si salva in extremis: resta in zona bianca per un'altra settimana

La Puglia si salva in extremis: resta in zona bianca per un'altra settimana
FoggiaToday INTERNO

La maggior parte del Paese si colloca a Rischio Alto o a Rischio Moderato con alta probabilità di progressione a rischio Alto: 13 Regioni italiane sono classificate a rischio Alto (o equiparate a rischio Alto) di una epidemia non controllata e non gestibile e 5 Regioni/PA si collocano a rischio Moderato con alta probabilità di progressione a rischio Alto, nel caso fosse mantenuta l’attuale trasmissibilità”. (FoggiaToday)

Ne parlano anche altre testate

Tutte attività dalle quali saranno esclusi coloro che hanno solo il Green Pass "base", ottenibile cioè con il semplice tampone. L'obbligo di mascherina anche all'aperto vale invece per tutti, ma in Campania quest'ultimo era già in vigore da diversi mesi con ordinanza regionale. (Il Portico News)

È il possesso o meno del super green pass a determinare cosa si può fare in zona gialla In realtà per chi è vaccinato non ci sono più differenze tra zona gialla e zona bianca. (Ottopagine)

Il Ministro Speranza ha così fermato la nuova ordinanza che vede l’Italia quasi tutta gialla. L’aumento dei contagi da Covid incide anche sui dati relativi all'occupazione degli ospedali nei territori italiani, facendo cambiare le fasce di rischio Covid ad alcuni territori da lunedì 17 gennaio. (Il Lametino)

Covid, Campania in «zona gialla» da lunedì: Speranza firma l’ordinanza. Oggi 26 morti e 20.206 positivi

La Regione Campania a partire da lunedì passerà in zona gialla per via dell'aumento di contagi da Covid. La Campania passa in zona gialla, ieri è arrivata l’ufficialità da parte del governatore Vincenzo De Luca. (AreaNapoli.it)

Il passaggio da zona bianca a zona gialla è determinato dal raggiungimento dei tassi di occupazione al 10% per le terapie intensive e al 15% per i reparti ordinari. La Campania in giornata potrebbe essere retrocessa in "zona gialla" per quanto riguarda le misure restrittive anti Coronavirus. (NapoliToday)

Il cambio di colore era nell’aria, alla luce non solo dell’accresciuto numero di contagi ma anche per l’andamento di altri parametri quali l’Rt e l’occupazione di posti letto nelle terapie intensive e nelle degenze “ordinarie” Covid. (Corriere del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr