Morandi, Alessandro Benetton: “Avremmo dovuto subito chiedere scusa

Morandi, Alessandro Benetton: “Avremmo dovuto subito chiedere scusa
Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

“Avremmo dovuto subito chiedere scusa, a prescindere dal fatto che Edizione deteneva solo poco più del 30% di Atlantia nel cui consiglio – composto in maggioranza da amministratori indipendenti – sedeva un solo Benetton.

Dal 2012 ha presieduto Benetton Group ma nel 2016 ha lasciato anche il consiglio d’amministrazione per divergenze con la famiglia.

Nel settembre 2018 Gilberto Benetton, scomparso pochi mesi dopo, disse che il silenzio della famiglia dopo il crollo del Ponte Morandi in cui sono morte 43 persone era “segno di rispetto“. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Avremmo dovuto subito chiedere scusa, a prescindere dal fatto che Edizione deteneva solo poco più del 30% di Atlantia nel cui consiglio- composto in maggioranza da amministratori indipendenti- sedeva un solo Benetton. (La Stampa)

"Se questo cambio di passo della holding è reale potrebbero iniziare a rinunciare all’eventuale compenso del “solo 30%” derivante dall’accordo per la “vendita” della società, destinandoli ad interventi strutturali sulla rete gestiti da parti terze, ad esempio". (Primocanale)

Quella che dopo la tragedia del Ponte Morandi ha portato alla vendita di Aspi (ex Autostrade) allo Stato. In sede ordinaria l'assemblea ha fissato in nove il numero dei consiglieri, ha individuato i membri della famiglia che faranno parte del consiglio in rappresentanza dei quattro rami familiari nelle persone di Alessandro Benetton, Carlo Bertagnin Benetton, Christian Benetton ed Ermanno Boffa (ilGiornale.it)

Alessandro Benetton prende in mano la holding di famiglia

Da oggi quindi comincia una nuova sfida, che non vedo l’ora di raccontarvi come sempre, passo dopo passo, qui su questo canale" Inizia così il video di Alessandro Benetton, rampollo della nota famiglia di Ponzano Veneto, nel quale ha annunciato la sua nuova carica di presidente di Edizione Spa. (TrevisoToday)

La voglia di rivincita, di uscire dall’angolo e di ridare un ruolo e una direzione di marcia a una delle holding d’investimento più importanti d’Italia. I fratelli fondatori dell’impero Benetton (archivio). (Corriere della Sera)

La seconda generazione dell’impero di Ponzano Veneto nato intorno ai maglioncini cambia anche lo statuto e la forma sociale della sua cassaforte, che da Srl si trasforma in una Spa Toccherà al secondogenito del capostipite Luciano ricoprire il ruolo di presidente di Edizione, la holding che da anni amministra un patrimonio di oltre 11 miliardi di euro. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr