Reddito di cittadinanza, pagamento di maggio: ecco le due date chiave per la ricarica

Reddito di cittadinanza, pagamento di maggio: ecco le due date chiave per la ricarica
Giornale di Sicilia INTERNO

Il sussidio viene erogato da Poste Italiane tramite la Card del Reddito di Cittadinanza

Chi invece presenterà la domanda all'Inps entro il 31 maggio, potrà avere la prima ricarica a partire dal 15 giugno.

Reddito di cittadinanza, anche a maggio i beneficiari dovranno tenere d'occhio due date sul calendario: per alcuni la mensilità arriverà giorno 15 mentre per altri sarà il 27, come di consueto.

A metà del mese riceveranno il pagamento coloro che hanno fatto domanda per il sussidio ad aprile e coloro che hanno fatto richiesta di rinnovo allo scadere delle 18 mensilità. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altri giornali

3 decessi Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 2344 tamponi. Questa mattina intorno alle. (TG24.info)

Su tutte, alla fine, si staglia una domanda: come dovranno comportarsi candidati, forze politiche e formazioni civiche in previsione delle prossime elezioni municipali? Allargando lo sguardo si scopre che nel capoluogo campano il fenomeno risulta essere doppio rispetto a Roma e quattro volte superiore a Milano. (Il Sussidiario.net)

Le sigle Quota 100 o 41 sono ingannevoli. Quota 100 o quota 41? (L'HuffPost)

Mafiosi col reddito di cittadinanza: denunciati furbetti nel salernitano

Le verifiche incrociate dei Carabinieri della Stazione di Nervesa della Battaglia e degli uffici Inps hanno consentito di procedere a una revoca nei confronti di un cittadino che aveva omesso di dichiarare la rioccupazione di un componente il nucleo familiare, percependo così indebitamente la somma di quasi 10.000 euro. (Qdpnews)

Infine, a Pederobba, le accurate verifiche in merito alla composizione dei nuclei familiari e alle dichiarazioni (evidentemente mendaci) relative all’ISEE hanno portato alla revoca di 9 prestazioni di RDC per un totale da recuperare di più di 50.000 Euro A Vedelago, è stato ad esempio riscontrato che vi erano nuclei familiari con componenti in stato detentivo, componenti sottoposti a misura cautelare personale, nonché a intervenuta condanna definitiva. (Oggi Treviso)

Le omissioni accertate hanno consentito agli indagati l’indebita percezione di fondi per oltre 30.000 euro, a partire dall’anno 2019. Diversamente, chi ha provveduto a dare l’informazione corretta riceve un contributo ridotto, ricalcolato sulla base dei soli componenti immuni da simili condanne. (Info Cilento)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr