Covid, Roberto Speranza choc: "Stiamo predisponendo l'elenco degli ultra 50enni non vaccinati"

Covid, Roberto Speranza choc: Stiamo predisponendo l'elenco degli ultra 50enni non vaccinati
Il Giornale d'Italia INTERNO

La norma, ha concluso Speranza, "è conforme al regolamento europeo 679 del 2016 (il Gdpr - regolamento generale per la protezione dei dati personali, ndr) che consente il trattamento dei dati relativi alla salute per motivi di interesse pubblico".

Rispondendo all'interrogazione sulle modalità di accertamento delle violazioni dell'obbligo vaccinale, Speranza ha sottolineato: "Rivendico la scelta di obbligo sopra i 50 anni per ridurre l'area dei non vaccinati, di poco superiore al 10%. (Il Giornale d'Italia)

Ne parlano anche altre fonti

covid. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha rilasciato alcune dichiarazioni rispetto all’obbligo vaccinale imposto agli over 50. (Yahoo Notizie)

In quei dieci giorni, spiega ancora il quotidiano, il multato dovrà inviare una comunicazione all’AdE in cui annuncerà l’invio delle spiegazioni all’azienda sanitaria. E anche qui entro dieci giorni. (Iacchite.blog)

Vaccino obbligatorio over 50: elenco con incrocio dei dati. La decisione ha quasi inevitabilmente acceso un dibattito dai toni non sempre pacati, sia nell'opinione pubblica sia tra gli esponenti del mondo politico. (Punto Informatico)

Obbligo vaccinale, la scappatoia per la multa agli over 50: può arrivare anche dopo 260 giorni

“Sarà cura del ministero – ha sottolineato il ministro Roberto Speranza al question time della Camera – predisporre gli elenchi di soggetti inadempienti anche acquisendo direttamente dal sistema tessera sanitaria le informazioni relative alla somministrazione dei vaccini acquisite giornalmente dall’anagrafe vaccinale nazionale”. (Agenzia askanews)

Sempre nello stesso lasso di tempo dovrà comunicare all'Agenzia delle Entrate (AdE) di aver preso contatto con l'Asl. Il perché, riferisce Open, lo ha spiegato lo stesso ministro della Salute Roberto Speranza (Ticinonline)

Il cittadino over 50 che non ha ancora completato il ciclo vaccinale, una volta ricevuta la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate, potrebbe presentare ragioni oggettive e documentate. Se il giudice non accoglie l’istanza, allora l’Agenzia delle Entrate potrà avviare l’iter per il recupero coattivo della somma, maggiorata delle spese successive (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr