Unicredit: il quantitative tightening della Fed non partirà prima del quarto trimestre di quest'anno

Milano Finanza ECONOMIA

Non solo con un tapering più rapido, ma anche con diverse strette sui tassi d'interesse nel 2022 e 2023 e con l'avvio del quantitative tightening già quest'anno.

L'estremità più lunga (10 anni, 30 anni) potrebbe rimanere relativamente immune poiché è probabile che Powell non dica una parola sul possibile picco del tasso di riferimento.

Qualsiasi deriva al rialzo dei rendimenti potrebbe resistere alla pressione al ribasso da un ulteriore calo dell'azionario", hanno dichiarato gli economisti di Unicredit (Milano Finanza)

Ne parlano anche altri media

Muovendosi contemporaneamente sul bilancio e sui tassi, la Fed accelererebbe il ritmo della stretta. "La nostra opinione è che i tassi non arriveranno a toccare tali livelli e che il picco raggiunto sarà più basso", rassicura l'analista, affermando "la questione più imminente riguarda il, con l’effetto disruptive di Omicron e la Fed che cerca di tenere l’inflazione sotto controllo" (Teleborsa)

L’iper-reazione del Nasdaq è normale, ma dipende prevalentemente da un effetto-spavento, più che da una supposta riedizione della dot-com bubble. In queste condizioni, mettersi in testa di dover “combattere l’inflazione” è equivalente a porsi come obiettivo quello di “combattere la ripresa”. (Milano Finanza)

"L'idea è che il mercato abbia già scontato l'esito della riunione della Fed", commenta un trader. In questo quadro si sono intensificate delle ricoperture su titoli che hanno maggiormente sofferto negli ultimi ribassi. (Investing.com)

Cosa aspettarsi sul rialzo dei tassi. I futures sui fondi Fed, che seguono le aspettative sui tassi a breve termine, hanno scontato un totale di quattro rialzi dei tassi quest’anno, poiché la banca centrale lotta per arginare l’impennata dell’inflazione. (Money.it)

Ciò dovrebbe "allentare la pressione al rialzo sul dollaro e rendere più ripida la curva, a dimostrazione che la politica non convenzionale può funzionare in entrambi i modi", aggiunge. La Mortgage Bankers Association ha inoltre reso noto che l'indice di rifinanziamento è sceso del 12,6% a 1.989,4 punti (2.276,3 punti la settimana precedente), mentre quello di acquisto è aumentato dell'1,8% a 300,1 punti rispetto ai 305,7 punti precedenti. (Milano Finanza)

Borsa Usa lasciata al suo destino. Stavolta, tuttavia, la Fed potrebbe decidere – o potrebbe aver già deciso – di lasciare la borsa Usa al suo destino. Originariamente, la Fed Put era stata chiamata Greenspan Put, in quanto riferita alle numerose volte in cui l’ex presidente della banca centrale Usa salvò la borsa Usa, intervenendo nel momento in cui gli smobilizzi sull’azionario si facevano più pesanti. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr