Allevatori preoccupati per i casi di peste suina: task force della Regione

Allevatori preoccupati per i casi di peste suina: task force della Regione
La Gazzetta di Mantova INTERNO

In provincia di Mantova, sono oltre un milione i suini presenti (dato Ats Valpadana), suddivisi in oltre 450 allevamenti.

Gli allevatori sono anche arrabbiati: lamentano la mancanza di misure serie per evitare la proliferazione incontrollata dei cinghiali.

La notizia di casi di peste suina africana tra Piemonte e Liguria preoccupa gli allevatori mantovani.

I Paesi che più probabilmente adotteranno questo tipo di restrizioni sembrano essere Australia, Brasile, Cina, Filippine, Malesia, Singapore, Taiwan, Thailandia e Ucraina (La Gazzetta di Mantova)

Su altri giornali

Un motivo in più per proseguire sull’azione di contenimento dei cinghiali in tutta la provincia, nell’area Parco Colli Euganei come nelle altre zone, a partire dalla Bassa Padovana fra Ospedaletto, Este e Granze I più esposti, ricorda Coldiretti Padova, sono gli allevamenti suini presenti nella nostra provincia. (PadovaOggi)

Da anni la peste suina africana è presente in Belgio, in Germania, nell’est Europa, e anche in contesti extraeuropei come il sud-est asiatico, la Cina e l’India Tempo medio di lettura: 3 minuti. Niente allarmismo, attenzione alta e ricorso a tutti quei comportamenti utili a prevenire situazioni di pericolo. (Luino Notizie)

Chiediamo, pertanto, da subito di attuare tutte le misure necessarie per monitorare la situazione e contenerla il più possibile. E importante è anche l’impegno di Regione Lombardia a sburocratizzare le pratiche per gli interventi dei controllori. (Luino Notizie)

Peste suina, Coldiretti Lombardia: “Prevenzione fondamentale, bene la task force della Regione”

L’allarme per il virus della peste suina africana (PSA) è stato lanciato dopo che è stato trovato in alcuni cinghiali del Belgio a settembre 2018. In Liguria nel 2021 sono stati eseguiti test su circa 250 esemplari e nessuno di questi risultava affetto da questa patologia. (Genova24.it)

Una task force contro la peste suina. La Regione Lombardia ha istituito una task force per prevenire e contrastare la peste suina sul territorio regionale, in seguito al rinvenimento di alcune carcasse di cinghiali vettori della malattia in Piemonte e Liguria. (Prima Treviglio)

Adesso – afferma la Coldiretti Lombardia – serve subito un’azione sinergica su più fronti per tutelare e difendere gli allevamenti dalla grave minaccia della peste suina africana che rischia di causare un gravissimo danno economico alle imprese Di fronte alla moltiplicazione ormai fuori controllo dei cinghiali, la prevenzione è fondamentale per evitare gravi emergenze sanitarie come quella che siamo ora costretti ad affrontare dopo il rinvenimento di alcune carcasse di cinghiale tra Piemonte e Liguria vettori di Peste Suina Africana. (BergamoNews.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr