Il green pass valido all’accesso dura tutta la giornata

Il green pass valido all’accesso dura tutta la giornata
Il Sole 24 ORE INTERNO

10 settembre 2021, chiarisce che tale verifica avviene quotidianamente «prima dell'accesso del personale interessato nella sede ove presta servizio».

Il chiarimento è contenuto in una recente Faq del ministero dell’Istruzione (aggiornamento 4 ottobre 2021).

Ascolta la versione audio di questo articolo. 2' di lettura. La verifica del green pass è fatta prima dell’accesso nella sede di servizio.

In pratica, nel caso in cui, al momento dell’accesso in sede, la certificazione risulti “valida”, il dipendente potrà accedere regolarmente e svolgere la propria attività fino al termine della giornata lavorativa. (Il Sole 24 ORE)

Su altre testate

Chi fa i controlli sul Green Pass: occorre l’incarico formale. Chi fa i controlli sul possesso di valido Green Pass deve essere appositamente incaricato/autorizzato. 1, comma 1, L. (Filodiritto)

No, l’uso del green pass è una misura ulteriore che non può far ritenere superati i protocolli e le linee guida di settore. I parrucchieri, gli estetisti e gli altri operatori del settore dei servizi alla persona devono controllare il green pass dei propri clienti? (Primocanale)

No, l’uso del green pass è una misura ulteriore che non può far ritenere superati i protocolli e le linee guida di settore. I clienti non sono tenuti a verificare il green pass dei tassisti o dei conducenti di NCC (RiminiToday)

Decreto sul Green Pass, il testo integrale sui controlli per i lavoratori

Per fare chiarezza scopriamo cosa dicono le Faq diffuse da Palazzo Chigi sull’obbligo del Green pass al lavoro. I clienti devono verificare il green pass dei tassisti o degli autisti di vetture a noleggio con conducente? (greenMe.it)

Green pass: confusione generata da una richiesta di Confindustria. Aiuta l'informazione libera di Oltre Tv. Sull’argomento si è creata molta confusione. Allo stato dei fatti, quindi, il lavoratore non in possesso di Green Pass non sarà tenuto a risarcire alcun danno al datore di lavoro (Oltre.tv)

La mancanza del pass non comporta il licenziamento, ma chi non ce l'ha dovrà essere allontanato dal posto di lavoro e ciascun giorno di mancato servizio conterà come una assenza ingiustificata: niente contributi e calcolo di giorni di ferie (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr