Disturbare (almeno un po') il manovratore | il manifesto

Disturbare (almeno un po') il manovratore | il manifesto
Il Manifesto INTERNO

Sui quotidiani principali poi è tutto un fiorire di «regole di Draghi» per affrontare il virus, della «spinta di Draghi» per ottenere successi sulla scena europea, del «metodo Draghi» per far lavorare ministri e funzionari, come probabilmente mai si era prima ammirato.

Viene in mente la cavatina di quel barbiere «pronto

Anche una trasmissione sulle bellezze della natura e dell’arte si è aperta con l’evocazione degli impegni del neo premier per assicurare la «transizione ecologica». (Il Manifesto)

Ne parlano anche altri giornali

La lista delle obiezioni e critiche puntuali ai detti e non detti di Draghi in materia di politica estera e relazioni internazionali sarebbe lunghissima e non è, quindi, possibile farla in questa sede Il discorso di Mario Draghi al Senato italiano è risultato, tutto sommato, non entusiasmante per vari aspetti e vago su molti. (Il Fatto Quotidiano)

È ridotta così l'area dell'ex carrozzeria di via Adriano, nella periferia di Milano, dove da tempo stazionano alcuni immigrati. Siamo in via Adriano- spiega il consigliere Sardone in un video condiviso sulla sua pagina Facebook- Quest'area è attualmente abbandonata e occupata da immigrati" . (ilGiornale.it)

Proposte che nei prossimi giorni saranno discusse tra governo e regioni in vista del nuovo Dpcm ai primi di marzo" Lo avrebbe detto, a quanto si apprende, la ministra degli Affari Regionali Mariastella Gelmini, nel corso dell'incontro con Regioni, Anci e Upi. (Yahoo Notizie)

Scuola, la variante “inglese” rischia di rovinare i piani di Draghi

Nuovo Dpcm, spostamenti e visite vietati un altro mese. E proprio il 5 marzo è l'altra data cruciale, quella in cui si capirà davvero come il governo intende gestire i prossimi mesi di pandemia. (Il Messaggero)

C’è ancora un «soggetto» pensabile prima delle posizioni che lo costituiscono nel mondo? IL LIBRO di Claudio Paolucci Persona. (Il Manifesto)

In Umbria, il Consiglio di Stato ha dato ragione alla presidente regionale Tesei confermando la chiusura delle scuole dell’infanzia e dei nidi della provincia di Perugia. (Il Manifesto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr