Carlo Lucarelli in Apnea

Carlo Lucarelli in Apnea
RSI.ch Informazione INTERNO

“Abbiamo deciso di occuparci degli otto pompieri e del loro comandante che in una notte di gennaio si sono ritrovati in una situazione assurda: salvare più vite possibili delle 4’000 persone a bordo della nave”.

Così Carlo Lucarelli racconta il lavoro di ricostruzione raccolto nel podcast intitolato Apnea (sei puntate per RaiPlay) che ricorda i 10 anni dalla tragedia della Costa Concordia all’isola del Giglio. (RSI.ch Informazione)

Ne parlano anche altri media

A distanza di 10 anni le immagini della Costa Concordia sono ancora stampate nella mente di tutti gli italiani. Il naufragio della Costa Concordia: silenzi e ritardi fatali. (Money.it)

"Le attività di monitoraggio e di ripristino delle condizioni dei fondali – si legge – sono state indicate dal ministero dell’Ambiente attraverso le prescrizioni che la Conferenza di servizi, appositamente convocata, ha stabilito subito dopo il naufragio (LA NAZIONE)

A dieci anni dalla tragedia, una ricostruzione del naufragio della Costa Concordia, avvenuto la notte del 13 Gennaio 2012 di fronte all’Isola del Giglio. È disponibile da ieri anche “Apnea” podcast con Carlo Lucarelli che presto diventerà una fiction prodotta da Lux Vide. (Piper Spettacolo Italiano)

Costa Concordia, la fiaccolata al Giglio 10 anni dopo

Noi ci facemmo forza, vidi lo sguardo mio padre completamente perso, fino a quel momento normalmente era il mio sai. il mio angelo custode, il mio eroe I naufraghi ancora sotto shock, con le coperte sulle spalle, i soccorritori al lavoro per recuperare sopravvissuti, le fotografie dei dispersi. (Famiglia Cristiana)

A soffrire è stato l’intero ecosistema, in particolare le praterie di Posidonia oceanica e i popolamenti del Coralligeno. Purtroppo, come se non bastasse, l’evento ha causato danni ingenti all’ambiente marino. (greenMe.it)

La guardia costiera ha deposto una corona di fiori sul molo, dove c’è stata una preghiera silenziosa. Il corteo è arrivato al porto e si è concluso alle 21.45, l’ora esatta in cui la nave da crociera urtò gli scogli al largo dell’isola. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr