Covid, pronti al nuovo polivaccino: all'Australia agli Stati Uniti primi test per un'unica profilassi ai virus

Il Messaggero SALUTE

«Temo sarà necessaria» prevede Roberto Cauda, direttore di Malattie infettive al Policlinico Gemelli di Roma.

Giovedì 13 Gennaio 2022, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 00:36. Un anno fa le prime dosi.

Ma, adesso, le condizioni sono diverse e dobbiamo aspettare il picco per la fine di gennaio e le prime settimane di febbraio

Un “panvaccino” destinato a combattere quei gruppi composti da tutti i virus che presentano somiglianze genetiche fra loro. (Il Messaggero)

Ne parlano anche altri media

«Temo sarà necessaria» prevede Roberto Cauda, direttore di Malattie infettive al Policlinico Gemelli di Roma. E nei laboratori, dall’Australia agli Stati Uniti, si parla di successi incoraggianti per la costruzione di un vaccino universale. (Il Mattino)

Omicron e nuove varianti, ecco il polivaccino: dall'Australia agli Stati Uniti primi test per un'unica profila

E nei laboratori, dall’Australia agli Stati Uniti, si parla di successi incoraggianti per la costruzione di un vaccino universale. Ma, adesso, le condizioni sono diverse e dobbiamo aspettare il picco per la fine di gennaio e le prime settimane di febbraio (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr