Covid-19, Ema avvia analisi in tempo reale di cocktail anticorpi AstraZeneca Da Reuters

Investing.com ECONOMIA

Il logo Astrazeneca presso la sede centrale Nordamericana a Wilmington, Delaware.

Il cocktail di anticorpi si è dimostrato efficace nel curare e prevenire sintomi gravi della malattia.

REUTERS/Rachel Wisniewski. (Reuters) - L'Agenzia europea per i Medicinali (Ema) ha annunciato di aver iniziato l'analisi in tempo reale della terapia a base di anticorpi contro il Covid-19 proposta da AstraZeneca.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

(Investing.com)

Su altri giornali

Il Comitato per i medicinali a uso umano Chmp – informa l’ente regolatorio Ue – ha avviato la revisione continua (rolling review) su Evusheld* o AZD7442: una combinazione dei monoclonali tixagevimab e cilgavimab, in sviluppo per la prevenzione di Covid negli adulti. (Cosenzachannel.it)

Se l’autorizzazione dell’Ema e delle agenzie nazionali dovesse arrivare come prevedibile prima della fine dell’anno la casa farmaceutica britannica prevede di produrre almeno un milione di dosi entro il 31 dicembre Secondo la casa farmaceutica riduce insorgenza sintomi del 77%. (Radio Colonna)

Il Covid potrebbe presto avere un altro alleato. L'Ema, l'Agenzia europea per il farmaco, starebbe infatti vagliando un nuovo prodotto sviluppato da AsraZeneca. (Redazione AriaMediterranea)

Inizia così il comunicato attraverso cui l’European Medicines Agency ha annunciato la fase di “rolling review” sul farmaco, un processo di revisione continua che rappresenta uno strumento normativo attraverso cui l’Ema accelera la valutazione di un farmaco o di un vaccino promettente durante un’emergenza sanitaria. (Salernonotizie.it)

AstraZeneca, mix anticorpi per prevenire il covid/ Chiesta autorizzazione alla Fda. EVUSHELD, COME FUNZIONA FARMACO ASTRAZENECA. Riguardo la tempistica di approvazione, non ci sono indicazioni precise sul farmaco anti Covid di AstraZeneca. (Il Sussidiario.net)

Inoltre, la media dei tamponi giornalieri da quando è stato introdotto l’obbligo è tra i 250mila e i 300mila. La decisione ‘si basa sui risultati preliminari di studi clinici, che suggeriscono che il medicinale può aiutare a proteggere dalla malattia”. (Agenpress)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr