Covid, Vaccini: la Danimarca ha escluso Johnson&Johnson dal programma di vaccinazione

Covid, Vaccini: la Danimarca ha escluso Johnson&Johnson dal programma di vaccinazione
QuiFinanza ESTERI

editato in: da. (Teleborsa) – La Danimarca ha escluso il vaccino Johnson & Johnson dal suo programma di vaccinazione anti-Covid.

A motivare la decisione le preoccupazioni per dei gravi effetti collaterali legati alla formazione di coaguli di sangue.

“L’Autorità sanitaria danese ha concluso che i vantaggi dell’utilizzo del vaccino Covid-19 di Johnson & Johnson non superano il rischio di causare il possibile effetto avverso in coloro che ricevono il vaccino”, si legge in una nota della stessa autorità. (QuiFinanza)

Ne parlano anche altre fonti

“Quello che vediamo per i vaccini J&J è simile a quanto osservato con AstraZeneca”, avevano poi spiegato chiedendo di poter svolgere più controlli, mentre nel Paese le somministrazioni continuavano grazie alla massiccia disponibilità di dosi Pfizer e Moderna (Il Fatto Quotidiano)

Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento. Dati personali. Privacy e cookie. Informativa ai sensi dell’art. La informiamo che ha, altresì, diritto di proporre reclamo dinanzi all’Autorità di Controllo, che in Italia è il Garante per la Protezione dei Dati Personali. (amiatanews.it)

Non sono quindi bastate le rassicurazioni dell'Agenzia europea del farmaco, che, specificando la possibilità di un 'legame' tra alcuni casi estremamente rari di formazione di coaguli nel sangue e l'utilizzo del vaccino, ha comunque ribadito come i benefici del farmaco monodose di Johnson and Johnson rimangano decisamente superiori ai rischi. (il Dolomiti)

Danimarca, sospeso vaccino Johnson&Johnson: cosa sta succedendo

Il vaccino Johnson & Johnson arriva nella Tuscia, apre il 14esimo hub. Coronavirus - La Asl di Viterbo terza del Lazio per numero di centri di somministrazione - Più dosi Pfizer e a Belcolle ci si potrà vaccinare fino alle 20 (Tuscia Web)

I due vaccini con adenovirus oggi sono riservati agli over 60, sulla base della raccomandazione di Aifa (agenzia italiana del farmaco) che si era espressa dopo le valutazioni di Ema. Sia chiaro: l’agenzia europea del farmaco né per AstraZeneca né per J&J ha mai disposto un limite di età, ma ha semplicemente detto che i rarissimi casi di trombosi che possono essere collegati alla. (ilmattino.it)

La decisione riguardante il vaccino sviluppato dall’azienda farmaceutica Janssen è stata adottata nel corso di una riunione presieduta dal ministro della Salute, Magnus Heunicke. “L’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha concluso che esiste un possibile collegamento tra i rari ma gravi casi di coaguli del sangue e il vaccino di Johnson & Johnson (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr