L’Aja, ambientalisti in piazza per chiedere un’Olanda a impatto zero

L’Aja, ambientalisti in piazza per chiedere un’Olanda a impatto zero
Approfondimenti:
LaPresse INTERNO

Il gruppo ambientalista Extinction Rebellion ha manifestato con cori, striscioni e una barca, poi rimossa dalla polizia. (LaPresse) – Il gruppo ambientalista Extinction Rebellion ha manifestato all’Aja con cori, striscioni e una barca, poi rimossa dalla polizia.

Gli attivisti chiedono al governo dei Paesi Bassi un paese a impatto zero entro il 2025 e hanno minaccato di bloccare la capitale olandese da lunedì a venerdì, dichiarando un’emergenza climatica

(LaPresse)

Se ne è parlato anche su altre testate

Ascoltato anche un avvocato esperto di diritto italiano.Gli avvocati della zia paterna, Aya Biran, sostengono che per Eitan si debba applicare in pieno la Convenzione dell'Aja e che quindi il bambino debba tornare in Italia. (Rai News)

Per il verdetto - che si si muove nell'ambito della Convezione dell'Aja sulla sottrazione dei minori - la giudice Iris Ilotovich Segal ha a disposizione 2 settimane. Lo confermano fonti informate del dossier, secondo cui solo dopo il magistrato del Tribunale della Famiglia di Tel Aviv potrà emettere la sua sentenza entro le successive due settimane. (La Provincia Pavese)

Nella città israeliana si svolge l’ultima udienza a porte chiuse del Tribunale della Famiglia. In questa terza udienza, cominciata alle 13.30 è stato ascoltato, su invito dei Biran, anche un avvocato esperto di diritto italiano (Sky Tg24 )

Marò: tribunale arbitrale Aja chiuse contenzioso tra Italia e India

"Ora gli avvocati - ha detto Shmuel Moran, legale di Aya Biran Nirko, zia paterna del bambino che ha la sua tutela - inoltreranno le loro conclusioni finali alla giudice che poi dovrà andare a sentenza". (Sky Tg24 )

Per il verdetto - che si si muove nell'ambito della Convezione dell'Aja sulla sottrazione dei minori - la giudice Iris Ilotovich Segal ha a disposizione 2 settimane. Nei giorni scorsi la donna aveva accusato l’Italia: “Avete ucciso i miei cari, ora volete portarmi via anche mio nipote”. (L'Unione Sarda.it)

Nel luglio 2020 lo stesso tribunale dell’Aja aveva attribuito all’Italia la giurisdizione della vicenda per la morte di due pescatori scambiati per pirati al largo del Kerala nel 2012. Da quanto si apprende, la chiusura del caso è stata decisa dopo che le due parti hanno convenuto di agire così. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr