Giustizia, Cartabia in commissione Antimafia: “Norma sui collaboratori di giustizia è da…

Giustizia, Cartabia in commissione Antimafia: “Norma sui collaboratori di giustizia è da…
Per saperne di più:
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Lei diceva: ‘Mi addolora ma è una legge dello Stato che ha voluto lo stesso Giovanni Falcone'”

“Il contributo dei collaboratori di giustizia si è storicamente rivelato assai rilevante – ha spiegato – Quindi reputo che la norma sui collaboratori di giustizia sia una norma da preservare, anche se pronunciare queste parole in questo momento è impegnativo”.

Durante l’audizione davanti alla Commissione Antimafia la ministra della Giustizia Marta Cartabia si è soffermata sull’importanza del contributo fornito dai collaboratori di giustizia nel contrasto alle organizzazioni mafiose. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altri media

Cartabia ricorda "l'importanza del contributo fornito dai collaboratori di giustizia che è tornato a tutta la nostra attenzione per i noti fatti di cronaca. A dirlo è il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, che oggi è stata sentita dalla commissione Antimafia. (PalermoToday)

Lo ha detto, difendendo la legge sui pentiti, dopo le polemiche sulla scarcerazione dell’ex boss Giovani Brusca, Maurizio De Lucia, procuratore di Messina, intervenuto nella trasmissione «Fuori Tg» in onda su Rai3. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Ecco l'idea che la ministra della Giustizia Marta Cartabia affida alla Commissione parlamentare Antimafia - e ovviamente attraverso l'organo bicamerale al Parlamento che dovrà legiferare - nel corso dei suoi sessanta serrati minuti di audizione, a Palazzo San Macuto (la Repubblica)

Cartabia all'Antimafia: ''Norma su collaboratori giustizia va preservata''

Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. (Antimafia Duemila)

Ugualmente alta dovrà essere la soglia di attenzione sulla corruzione: “I poteri di indirizzo e vigilanza dell’Anac non saranno intaccati. Occorre evitare che all’iscrizione si proceda sulla base di considerazione soltanto formali” (Il Fatto Quotidiano)

L’accento è stato messo in primis sulla questione dei pentiti e delle normative che regolano le collaborazioni con lo Stato. "Reputo che la norma sui collaboratori di giustizia sia da preservare anche se è chiaro che dirlo in questo momento è impegnativo”, ha detto la Cartabia. (Antimafia Duemila)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr