Fluke 393, multimetro a pinza per il fotovoltaico certificato fino a 1500 V

ElettricoMagazine ECONOMIA

I puntali isolati del multimetro sono conformi allo standard CAT III 1500 V, mentre i multimetri stessi offrono una protezione CAT IV a 600 V AC

Può essere quindi usato su impianti fotovoltaici di varie dimensioni, inclusi quelli più grandi come quelli pubblici, industriali e commerciali.

La sicurezza è garantita dall’isolamento CAT III a 1500 V; si tratta dell’unico multimetro a pinza per impianti fotovoltaici a offrire questo livello di protezione per tecnici e ingegneri. (ElettricoMagazine)

Ne parlano anche altre fonti

All’evento ‘Insieme per la Sostenibilità’ al Teatro Sociale, Carini spiega la propria visione della sostenibilità fatta di rispetto dell’ambiente e gestione dell’energia necessaria. E’ questa l’idea che guida PierPaolo Carini amministratore delegato di Egea, multi-servizi di Alba, al primo posto per il Financial Times tra le realtà italiane che si occupano di servizi energico-ambientali. (LaPresse)

Attraverso i dati elaborati da Italia Solare relativi al primo semestre del 2021, Elmec Solar ha stilato la classifica delle regioni e delle province dove gli impianti fotovoltaici hanno il maggiore margine di installazione. (GeosNews)

A Friburgo, il tetto di un autocarro da 18 tonnellate è stato rivestito di pannelli solari da 3,5 Kilowatt di potenza. Anche perché, la soluzione con i pannelli solari garantisce finora soltanto il 10 per cento dell’autonomia del camion. (Corriere della Sera)

Tuttavia la nostra Penisola ha ancora un elevato potenziale inespresso: sono i territori chiamati ad accelerare la propria decisione verso il fotovoltaico” afferma Alessandro Villa, AD di Elmec Solar. Le province in top10 sono Verbano Cusio Ossola, Palermo, Genova, Napoli, Imperia seguite da Reggio Calabria, Isernia, Crotone, Enna e Sassari. (Rinnovabili)

L'inizio delle attività è previsto per il mese di novembre 2021 e la commessa sarà di competenza per 2,5 milioni di euro dell'esercizio 2021 e per 22,8 milioni di euro dell'esercizio 2022.Il progetto prevede l'installazione dicon l'utilizzo di tracker monoassiali e un'architettura complessiva in configurazione inverter di stringa con cabine di raccolta interne al campo solare, spiega la società in una nota. (Teleborsa)

Ma il 2026 è più vicino di quanto non appaia e i fondi europei del PNRR non possono non venire spesi. Queste però non basteranno: occorrerà anche utilizzare aree agrcole, da cui il termine agrivoltaico. (Il Bo Live - Università di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr