11 settembre: oggi ci sono più vittime di cancro che per l'attentato

11 settembre: oggi ci sono più vittime di cancro che per l'attentato
Per saperne di più:
Il Digitale ESTERI

L’11 settembre di 20 anni fa il mondo è cambiato.

Oggi, il ricordo di quel giorno non può non riportarci a quanto sta avvenendo in Afghanistan, dove il governo di Kabul, dopo 20 anni di occupazione da parte delle truppe Usa e Nato, è di nuovo in mano ai talebani.

11 settembre: oggi le “vittime collaterali” superano le 3.000 uccise dall’attentato. L’attentato alle Torri Gemelle ha ucciso quasi 3.000 persone, molte ancora non identificate. (Il Digitale)

Su altri giornali

Fra quei combattenti c'era anche un ricchissimo imprenditore edile arabo saudita, Osama bin Laden, rampollo di una famiglia con molte attività negli Stati Uniti. Tutti ricordiamo l'eroico Rudolph Giuliani, sindaco di New York, sempre nella polvere aiutando e sostenendo insieme ai giganteschi vigili del fuoco di New York, che poi scoprimmo essere quasi tutti di origine italiana. (ilGiornale.it)

Joe Riverso era un giovane pieno di vitalità ed era amato e stimato da tutti. Questa sera siamo qui per ricordare e rendere onore al nostro amico Joe Riverso. (Quotidiano del Sud)

Milton Bearden, funzionario Cia dal 1964 al 1998, racconta quando il minsitro degli esteri talebano lo chiamò per offrirgli il leader di Al Qaeda. 11 settembre, l'ex funzionario Cia racconta la telefonata dei talebani: "Così ci consegnarono Bin Laden". (Video - La Stampa)

Bin Laden? Gheddafi sapeva tutto…

Da allora gli Stati Uniti sono stati coinvolti nel conflitto. Ciò a sua volta darebbe agli Stati Uniti l’autorità, o almeno così sostenevano, di espandere ulteriormente le proprie guerre (L'Indro)

Perciò il 20 agosto il presidente Clinton ordinò una rappresaglia missilistica che distrusse i campi di addestramento a Khost, dove avrebbe dovuto trovarsi Bin Laden. Tra il 1992 e il 1996 Bin Laden spostò l’organizzazione in Sudan, ospite del regime di Omar al Bashir, grazie all’intercessione dell’ideologo islamista sudanese Hasan al Turabi. (Domani)

Abbiamo sfogliato i giornali pubblicati la settimana prima dell’attentato alle Torri Gemelle. Si parlava della Stilo (?), di Mario Draghi, degli “Stati canaglia”. Gheddafi, in festa, profetizzò il disastro (L'Intellettuale Dissidente)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr