Generali, Caltagirone si è dimesso dal cda: "Mi hanno osteggiato"

Generali, Caltagirone si è dimesso dal cda: Mi hanno osteggiato
Per saperne di più:
La Repubblica INTERNO

La replica del presidente Galateri: "Dalla società trasparenza e correttezza nei confronti di tutti”

Generali, Caltagirone si è dimesso dal cda: "Mi hanno osteggiato" di Andrea Greco. Con una lettera il vicepresidente denuncia l'impossibilità di "dare il proprio contributo critico e ad assicurare un controllo adeguato sulla gestione".

(La Repubblica)

Ne parlano anche altre testate

Date le accuse rivolte dall'imprenditore contro il board, riportate in parte nel comunicato con il quale Generali ha reso noto il passo indietro di Caltagirone con la risposta del presidente Gabriele Galateri, non è escluso che la Consob possa chiedere di acquisire la lettera di dimissioni e di valutare se eventuali contenuti price sensitive siano da rendere noti al mercato. (Sky Tg24)

rancesco Gaetano Caltagirone si è dimesso dal Cda di Generali dicendosi "palesemente osteggiato e impedito dal dare il proprio contributo critico". Ai suddetti principi ci si è attenuti nei rapporti con tutti i consiglieri, senza eccezione alcuna e in ogni occasione" (AGI - Agenzia Italia)

Rinnovo rispetto al quale Caltagirone, in asse con Leonardo Del Vecchio e Fondazione Crt, ha espresso a più riprese il proprio dissenso. Nella serata di ieri Francesco Gaetano Caltagirone ha preso carta e penna e in una missiva ha ufficializzato le sue dimissioni dal Leone di Trieste. (Il Sole 24 ORE)

Caltagirone dantesco Assinews.it

Francesco Gaetano Caltagirone si è dimesso dal cda di Generali. Accusa la società di non avergli permesso di dare il proprio contributo alla gestione della società assicurativa. (La Stampa)

Una nota della compagnia informa che che "il consigliere di amministrazione Romolo Bardin, consigliere indipendente e membro dei Comitati per le Nomine e la Remunerazione; per gli Investimenti; per le Operazioni strategiche; per le Operazioni con Parti Correlate, ha comunicato le proprie dimissioni dal Consiglio". (Italia Oggi)

Lo statuto di Generali fissa a 13 il numero minimo dei consiglieri che, dopo l’uscita del vicepresidente vicario, sono scesi a 12. Non è d’altronde casuale la fredda accoglienza che siffatto piano triennale ha sortito sul mercato». (Assinews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr