Assalto No Pass all'ospedale Umberto I di Roma, pronto soccorso devastato

News Mondo INTERNO

ROMA – Assalto dei No Pass all’ospedale Umberto I di Roma.

I manifestanti, infatti, lo hanno devastato e per gli operatori sanitari tante ore di timore

Assalto dei No Pass all’ospedale Umberto I di Roma.

Il bilancio purtroppo parla di due sanitari feriti, una infermiera ha ricevuto una bottiglietta in testa, e due agenti feriti.

Il bilancio ufficiale è di almeno quattro feriti, ma si temono diversi danni per l’intero Pronto Soccorso. (News Mondo)

Ne parlano anche altre testate

Dopo la violenta manifestazione di sabato dei No Pass nella Capitale, i militanti dell'ultradestra e altri violenti pagano il conto dei disordini. Nemmeno lo scioglimento di Fn potrebbe invertire la rotta di quanto sta avvenendo e avverrà nelle prossime settimane" (Avvenire)

È stato accompagnato nella sala di isolamento da Covid e ha iniziato subito a inveire contro chiunque provasse ad avvicinarsi a lui. Filmava tutto con il cellulare, malediva la sanità" (Repubblica Roma)

“Ora c’è anche l’assalto al pronto soccorso del Policlinico romano Umberto I. All’interno del pronto soccorso era ricoverato un altro manifestante, già in stato di fermo. (Dire)

Inveiva contro il personale – ricorda – dieci persone si erano radunate fuori dal pronto soccorso per lui, come fossero venuti a liberarlo. A raccontarlo, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, Francesco Pugliese, direttore del Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I preso d’assalto l’altra notte da circa 30 persone dopo l’arrivo di un manifestante della protesta contro il green pass. (Radio Colonna)

«Un attacco inaudito e intollerabile che ha coinvolto il Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I, dove ieri notte, sabato 9 ottobre, medici ed infermieri sono stati costretti a sigillare i locali per arginare la pressione violenta dei manifestanti arrivati a decine». (Corriere TV)

La sanità pubblica è un bene comune che dobbiamo salvaguardare e proteggere da ogni violenza" (FrosinoneToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr