Liliana Segre: "Insulti e minacce per vaccino? Non ho nulla da dire a chi odia"

Liliana Segre: Insulti e minacce per vaccino? Non ho nulla da dire a chi odia
Adnkronos INTERNO

Così la senatrice Liliana Segre all'Adnkronos, in merito alle minacce e agli insulti da cui è stata investita sui social dopo che, ieri mattina, si è vaccinata al Fatebenefratelli di Milano.

Non ho nulla da dire a chi odia".

Sono una cittadina di novant'anni che come tante altre persone è andata a fare il vaccino

E sul vaccino, la senatrice a vita aggiunge: "Sono contenta di averlo fatto perché è normale che in tempo di pandemia uno cerchi di curarsi. (Adnkronos)

Ne parlano anche altri giornali

Mentre da più parti arriva la solidarietà a Liliana Segre anche la procura di Milano vuole fare luce sugli indicibili insulti che ancora una volta la senatrice a vita ha ricevuto. Insulti, minacce e attacchi deplorevoli da parte di alcuni vigliacchi nei confronti di una persona che dopo aver vissuto e superato il nazifascismo, oggi per tutti noi rappresenta un simbolo di memoria, verità e speranza" (La Sentinella del Canavese)

Spero che al più presto anche tanti altri anziani, miei fratelli e sorelle, possano avere la stessa fortuna che ho avuto io". Covid-19, Liliana Segre si vaccina e lancia l'appello: "Fatelo con fiducia, combattiamo contro un grande nemico". (La Repubblica)

Tra i personaggi di spicco che sono scesi in campo al suo fianco c'è anche Marchisio, non nuovo a battaglie di questo tipo Dopo la bufera sui social che ha colpito Liliana Segre, ci pensa Claudio Marchisio a difendere la senatrice a vita da calunniatori e leoni da tastiera. (Tuttosport)

Segre, dopo il vaccino anti Covid una valanga di insulti e minacce dai social

Ma stavolta la politica, le istituzioni e l’opinione pubblica non sono state a guardare e hanno levato gli scudi contro gli haters ribaltando la situazione. Purtroppo, e sottolineamo il purtroppo, la senatrice a vita Liliana Segre non è nuova alla ferocia dei social. (Prima Pavia)

In procura è già aperta anche un'altra indagine per molestie e minacce per gli insulti arrivati negli anni scorsi sui social network alla senatrice Segre. Per questo il pool Antiterrorismo diretto da Alberto Nobili ha aperto un fascicolo per minacce aggravate dalla discriminazione e dall’odio razziale e ha già delegato gli accertamenti alla polizia postale. (La Stampa)

Minacce, insulti, commenti irripetibili sono stati indirizzati via social, ancora una volta, alla senatrice a vita Liliana Segre, che questa mattina si è vaccinata al Fatebenefratelli di Milano. E' dal novembre 2019, dopo una serie di minacce ricevute via web, che la senatrice a vita vive infatti sotto scorta. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr