Uccisa un'altra atleta keniana: arrestato il compagno!

Queen Atletica SPORT

Secondo il direttore dell’ospedale di Kerugoya, Norman Gitari, l’atleta era stata portata in ospedale – grazie all’intervento di una persona volenterosa – in condizioni critiche.

I detective della Direzione per le indagini criminali (DCI) hanno infatti arrestato il compagno, Kennedy, martedì sera, dopo che questi aveva aggredito selvaggiamente la 27enne, infliggendole un profondo taglio sulla nuca. (Queen Atletica)

Su altri media

Tirop era considerata un astro nascente della corsa, la sua morte ha scioccato il Kenya e tutto il mondo dell'atletica. Quando la polizia è entrata in casa ha trovato Tirop sul letto e sul pavimento una pozza di sangue. (Ticinonline)

Ad aver ucciso l’atleta keniota Agnes Tirop è stato suo marito e allenatore, Emmanuel Rotich. La 25enne era stata trovata morta ieri, accoltellata all’addome, nella sua casa nel Kenya occidentale. (Open)

Svolta nel caso dell’omicidio dell’atleta keniana Agnes Tirop: arrestato il marito Svolta nel caso dell’omicidio dell’atleta keniana Agnes Tirop. Oggi infatti a Mombasa è stato arrestato il marito con l'accusa di aver ucciso l'atleta 25enne che, dopo aver conquistato due bronzi ai Mondiali di Atletica, si era piazza quarta nelle ultime Olimpiadi di Tokyo 2020 (Sport Fanpage)

Ibrahim Rotich, who was in a relationship with the athlete was arrested moments ago in Changamwe, Mombasa county, as he tried to flee to a neighboring pic.twitter. (Rai News)

Ora è in corso un'indagine sulla sua morte, con la polizia alla ricerca del marito che risulta per ora scomparso. Il marito, latitante, è sospettato. Suo marito è ancora latitante e le indagini preliminari ci dicono che suo marito è sospettato perché non è raggiungibile. (Tiscali.it)

Lo ha riferito la polizia, precisando che "il sospetto è stato arrestato a Mombasa mentre cercava di fuggire". Di Tirop non si avevano notizie già da qualche giorno: i genitori ne avevano denunciato la scomparsa martedì e il suo corpo era stato ritrovato in casa mercoledì. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr