Stop alle auto benzina e diesel, l'Italia e altri quattro Paesi chiedono posticipo al 2040

Stop alle auto benzina e diesel, l'Italia e altri quattro Paesi chiedono posticipo al 2040
La Gazzetta dello Sport INTERNO

Per i veicoli commerciali leggeri il documento chiede una diminuzione delle emissioni del 45% entro il 2030, dell'80% entro il 2035 e del 100% entro il 2040.

La transizione dà benefici a tutta l'Unione europea ma i costi sono diversi a seconda della struttura produttiva dei Paesi

E che fissa il blocco delle vendite di automobili con motori termici entro il 2035.

Lo fa firmando un documento insieme ad altri quattro Paesi in cui sostanzialmente ha chiesto di posticipare il bando ai motori termici. (La Gazzetta dello Sport)

Su altre fonti

Giovedì 23 giugno 2022 - 20:24. Aneris: su stop auto endotermiche Draghi chiarisca posizione Italia. Transport e Environment: bozza Coreper smentisce posizione ufficiale. CONDIVIDI SU:. . . . . . . . . (Agenzia askanews)

- BRUXELLES, 23 GIU - Italia, Bulgaria, Portogallo, Romania e Slovacchia hanno presentato un documento che propone di posticipare l'eliminazione dei motori a combustione dal 2035 al 2040 e di ridurre le emissioni di CO2 del 90% (anziché del 100% come proposto da Commissione europea ed Europarlamento) nel 2035. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

All'approccio più esuberante del titolare del MIMS Giovannini, si contrappone la cautela dei ministri Giorgetti e Cingolani, che aìhanno ammesso che si sta discutendo su un approccio più graduale L'Italia si è associata all'iniziativa perché punta ad ottenere modifiche al testo in materia di veicoli commerciali, biocarburanti e produzioni di nicchia. (ilmessaggero.it)

L’Italia e altri 4 Paesi chiederanno all’Unione Europea di far slittare al 2040 lo stop alla…

La posizione dei rappresentanti del settore è chiara: rinviare lo stop ai motori termici oppure mantenere un margine e non raggiungere il 100% Per i veicoli commerciali leggeri, una diminuzione delle emissioni del 45% entro il 2030, dell'80% entro il 2035 e del 100% entro il 2040. (Today.it)

Così anche Volvo e Ford hanno apprezzato la decisione del Parlamento Ue Mercedes, Volkswagen e Bmw si sono già schierate a favore del bando nel 2035, apprezzando la chiara direzione indicata all'industria. (Milano Finanza)

E’ questa la richiesta che Italia, Bulgaria, Portogallo, Romania e Slovacchia hanno presentato un documento indirizzato all’Unione europea. Ora l’Italia si associa alle richieste di altri 4 Paesi in cui esistono numerosi stabilimenti per la produzione di automobili (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr