I servizi segreti inglesi: c'è una spia cinese in Parlamento. Ecco il nome

I servizi segreti inglesi: c'è una spia cinese in Parlamento. Ecco il nome
Altri dettagli:
IL GIORNO ESTERI

Secondo i media del Regno Unito, si tratta di una legale basata a Londra molto ben inserita nell’establishment britannico.

Londra - I servizi segreti inglesi di controspionaggio (MI5) hanno emesso un raro avvertimento ai parlamentari britannici secondo cui una agente cinese si è infiltrata a Westminster per interferire nella politica del Regno Unito.

Ha donato 200.000 sterline (239.000 euro) all’ex membro del governo ombra laburista e deputato in carica Barry Gardiner, e altre centinaia di migliaia di sterline al suo partito

Un avviso diffuso dal servizio di controspionaggio interno fa anche un nome, quello di Christine Ching Kui Lee, che avrebbe «stabilito legami» per conto del Partito comunista cinese (Pcc) con deputati e aspiranti tali. (IL GIORNO)

Su altre testate

Aveva stabilito legami con diversi esponenti politici ed era stata premiata anche dall'ex premier, Theresa May. Secondo quanto rivelato dai media del Regno Unito, si tratta di una legale basata a Londra molto ben inserita nell'establishment britannico. (leggo.it)

L'MI5, l'intelligence interna britannica, ha riferito che Christine Ching Kui Lee ha "stabilito contatti" tra il Partito comunista cinese (Pcc) e alcuni attuali e aspiranti deputati in Parlamento. 13 gennaio 2022 a. (Liberoquotidiano.it)

In risposta, Wang ha ribadito che la Cina ha sempre aderito "al principio di non interferenza negli affari interni di altri Paesi" e che Pechino "non ha bisogno e non si impegnerà nelle cosiddette attività di interferenza" La Cina spera che i funzionari britannici competenti non facciano osservazioni senza basi fattuali, per non parlare della 'teoria della minaccia cinese' per ulteriori scopi politici". (L'Unione Sarda.it)

Regno Unito, una spia cinese si è infiltrata nel parlamento

Perciò hanno emesso un raro avvertimento ai parlamentari britannici comunicando che una agente cinese si è infiltrata a Westminster per interferire nella politica del Regno Unito. Si tratta di una stimata avvocatessa cinese basata a Londra, perfettamente inserita ai massimi livelli dell'establishment britannico. (ilmattino.it)

Un’agente cinese si è infiltrata nel Parlamento britannico per interferire nella politica del Regno Unito. Secondo l’indagine, tra i beneficiari di queste donazioni ci sarebbe anche il laburista Barry Gardiner, che ha iniziato a incassare soldi dallo studio legale della donna, il Christine Lee & Co, alla fine del 2014: avrebbe ricevuto oltre 420. (Open)

L'MI5 ha emesso un raro avvertimento ai parlamentari britannici secondo cui una agente cinese si è infiltrata a Westminster per interferire nella politica del Regno Unito. Chiunque sia stato contattato dalla Lee, ha avvertito l'MI5, dovrebbe essere "consapevole della sua affiliazione" e del rischio di favorire "l'agenda del Pcc". (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr