Italia “in giallo” tranne la Val d'Aosta, cambia la mappa dei colori

Tiscali.it ECONOMIA

Sarà un'Italia quasi completamente in giallo quella rappresentata nella mappa del Covid a partire da lunedì 17 maggio.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza infatti, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 14 maggio 2021, ha firmato una nuova ordinanza che porta in zona gialla le Regioni Sicilia e Sardegna.

L'unica "variazione cromatica" sarà rappresentata dalla Valle d'Aosta che anche avendo numeri da giallo deve restare in zona arancione in base all'ordinanza firmata venerdì 7 maggio dal ministro. (Tiscali.it)

Ne parlano anche altre testate

Le citate linee guida potranno prevedere, con riferimento a particolari eventi, che l’accesso sia riservato soltanto ai soggetti in possesso delle “certificazioni verdi COVID-19”. Dal 1° giugno sarà possibile svolgere attività sportiva anche all’interno di luoghi al chiuso. (Gazzetta del Sud - Edizione Sicilia)

L'Abruzzo conferma dunque la sua permanenza nella zona con minori restrizioni, dove si trova dal 26 aprile Il ministro della Salute Speranza ha firmato l'ordinanza. Tutta Italia, ad eccezione della Valle d'Aosta, da lunedì 17 maggio sarà in 'zona gialla'. (ChietiToday)

Speranza ha firmato ordinanza [PDF E VIDEO GUIDA] Di. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 14 maggio 2021, ha firmato una nuova ordinanza, in vigore a partire da lunedì 17 maggio, che porta in zona gialla le Regioni Sicilia e Sardegna (Orizzonte Scuola)

L'incidenza nell'ultima settimana sarebbe arrivata a 96 casi per 100 mila abitanti mentre la scorsa settimana era 123 casi su 100 mila Anche l'incidenza è in decrescita: nel flusso del ministero della Salute è pari a 96 per 100mila abitanti». (Il Giornale di Vicenza)

BlogSicilia quotidiano online è una testata registrata. (BlogSicilia.it)

Fratelli d'Italia Valle d'Aosta torna sulla questione delle assunzioni interinali all'Usl della Valle d'Aosta oggetto anche di una indagine della Procura di Aosta. (Aosta Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr