Trump torna sui social dopo essere stato bannato da Facebook e Twitter: lancia la sua piattaforma personale

Trump torna sui social dopo essere stato bannato da Facebook e Twitter: lancia la sua piattaforma personale
Open ESTERI

Intanto, è attesa una decisione da parte dei vertici di Facebook che dovranno scegliere se riammettere o meno Trump o prorogare il divieto

I supporter potranno tornare a comunicare con l’ex presidente Usa e a essere informati in tempo reale sulle sue idee, sui suoi progetti e sulle sue attività.

Tra le varie modalità di interazione, esiste anche un tasto che offre la possibilità di condividere i post di Trump sui classici canali social: Facebook e Twitter. (Open)

Se ne è parlato anche su altri media

Donald Trump lancia la sua piattaforma social dopo essere stato bandito da Twitter e Facebook. D’ora in poi i sostenitori potranno comunicare con l’ex presidente ed essere informati in tempo reale sulle sue posizioni e attività tramite il sito chiamato «From the Desk of Donald J. (Corriere del Ticino)

Usa, Trump lancia la sua sfida social. Condividi. L'ex presidente Usa Donald Trump ha lanciato uno spazio sul suo sito web dove può pubblicare messaggi che possono essere condivisi da altri su Twitter e Facebook, siti dove rimane bandito dopo gli scontri in Campidoglio del 6 gennaio. (Rai News)

Per questo l'ex presidente è stato sottoposto a un secondo impeachment dal quale però è stato ancora una volta assolto. Trump estromesso da Facebook e Twitter. Facebook e Twitter hanno cancellato l’account di Trump dopo i sanguinosi fatti dello scorso 6 gennaio, quando i sostenitori dell'ex presidente hanno assaltato la sede del Congresso americano. (Sky Tg24 )

E se Trump avesse ragione?

Donald Trump lancia la sua piattaforma online dopo essere stato bandito da Twitter e Facebook. Presente anche un tasto con cui poter condividere i sui messaggi su Facebook e Twitter. (RSI.ch Informazione)

Roma, 5 mag. (LaPresse)

Comunque vada la sentenza di domani riaccenderà un dibattito mai sopito E se Trump avesse ragione? (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr