"La chiusura delle scuole è illegittima", il Tar sospende l’ordinanza del sindaco

La chiusura delle scuole è illegittima, il Tar sospende l’ordinanza del sindaco
AgrigentoOGGi.it INTERNO

La dad, può essere attivata solo in situazione di “condizioni di eccezionale gravità che riguardino nello specifico la popolazione scolastica.

Aver chiuso le scuole in questi due anni ha già provocato un enorme danno culturale.

I ragazzi possono andare in sala giochi, in pizzeria ma non a scuola, questo fa passare un messaggio terribilmente diseducativo.

“In Sicilia regna il caos sulla riapertura delle scuole, mentre nel resto d’Italia tutte sono aperte – denuncia la deputata siciliana del Movimento 5 Stelle, Rosalba Cimino -

Non necessariamente in zona rossa che non è il caso del Comune di Agrigento attualmente in zona arancione. (AgrigentoOGGi.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

La domanda che adesso migliaia di studenti e genitori di Agrigento e anche del resto della provincia è: ma si torna a scuola o no? Questo per superare, ad esempio, le valutazioni fatte dal Tar Campania nell'annullare il provvedimento del presidente Vincenzo De Luca o quelle utilizzate appunto dal Tar Catania contro Cateno De Luca (AgrigentoNotizie)

La decisione del Tar. leggi anche. Scuola, sì delle Regioni per fare i vaccini anche negli istituti. Il Tar ha evidenziato che la competenza appartiene allo Stato, trattandosi di "profilassi internazionale". (Sky Tg24 )

Ordinanze dei sindaci di Agrigento e Palermo contro il rientro in classe, il Tar li boccia: “E’ competenza dello Stato”

La decisione è stata presa dal presidente del Tar della Sicilia Salvatore Veneziano che ha accolto l’istanza cautelare presentata contro l’ordinanza firmata dal Sindaco di Palermo. Le ordinanze dei sindaci di Palermo e Agrigento avevano disposto la sospensione dal 13 gennaio fino al 16 gennaio2 delle attività didattiche in presenza. (Diretta Sicilia )

Le pronunce comportano il rientro in presenza nelle scuole. Il presidente del Tar della Sicilia Salvatore Veneziano ha accolto l’istanza cautelare presentata da alcuni rappresentanti dei genitori contro le ordinanze firmate dai sindaci di Palermo e Agrigento, Leoluca Orlando e Francesco Micciche’ che prevedevano la sospensione dal 13 al 16 gennaio delle attivita’ didattiche in presenza. (Risoluto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr