Covid Uk, oggi è il 'Freedom Day': stop a gran parte delle restrizioni in Inghilterra

Covid Uk, oggi è il 'Freedom Day': stop a gran parte delle restrizioni in Inghilterra
Sky Tg24 INTERNO

Scozia e Galles, invece, mantengono l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso e sui trasporti

Stop al limite di un numero massimo di persone che possono radunarsi.

Possono riaprire gli auditorium e gli stadi a pieno regime, così come le discoteche e il servizio bar nei pub.

Indossare la mascherina non è più obbligatorio sui mezzi di trasporto e nei negozi.

Via libera all'allentamento delle restrizioni nonostante i contagi in aumento e le perplessità di alcuni scienziati e politici. (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altri media

E c'è chi parla di giorno della ''resa'' invece che di libertà E' scattato il Freedom day in Gran Bretagna, dove sono state revocate quasi tutte le restrizioni imposte per contenere la diffusione del coronavirus, tra cui il rispetto del distanziamento sociale e l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi. (Adnkronos)

L’ufficio di Johnson aveva però annunciato che lui e Sunak avrebbero aderito a un programma pilota, senza isolamento e con test quotidiani. Riaprono anche gli stadi. Il Freedom Day in Inghilterra è scattato a mezzanotte, mentre premier Boris Johnson entra in isolamento dopo i contatti con il ministro della Salute Sajid Javid, risultato positivo al Covid-19. (LaPresse)

Scozia e Galles mantengono l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso e nei trasporti. Si riapre tutto, nonostante un’impennata di contagi che fa preoccupare scienziati e politici britannici. (Il Primato Nazionale)

Coronavirus, domani scatta il “Freedom Day” e il premier britannico Johnson va in isolamento

E invita alla "cautela" Retromarcia Johnson: criticato dai laburisti, si autoisolerà dopo contatti con ministro positivo, rinunciando al programma sperimentale che gli consentirebbe di continuare a lavorare sottoponendosi a test quotidiani. (Rai News)

A partire da oggi cadono tutte le restrizioni anti-Covid, nonostante una fiammata di contagi che preoccupa molti tra scienziati e politici. Per due giornate consecutive ha superato i 50mila contagi, tra i positivi delle ultime ore c’è anche il ministro della Salute Sajid Javid. (L'Unione Sarda.it)

Alla vigilia del Freedom Day il premier britannico Boris Johnson fa marcia indietro e va in isolamento dopo il contatto con il ministro della Salute, Sajid Javid, risultato positivo al Covid. Johnson ha detto di «aver preso in considerazione solo brevemente l'idea di non isolarsi» dopo esser stato «pizzicato» dal sistema di tracciamento dell'Nhs, il sistema sanitario pubblico. (La Gazzetta di Mantova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr