"Un deciso calo dei pazienti Covid, in ospedale è iniziato il processo di riconversione dei posti letto" [VIDEO]

Un deciso calo dei pazienti Covid, in ospedale è iniziato il processo di riconversione dei posti letto [VIDEO]
TargatoCn.it INTERNO

Va molto meglio, da una decina di giorni, sul fronte degli accessi al Pronto Soccorso di Cuneo di pazienti Covid positivi, così come si registra un costante calo dell'occupazione di posti letto.

"La pressione, su questo aspetto delle patologie non Covid, è cresciuta in modo drammatico.

Ci sono bisogni che fino ad oggi sono stati nascosti e che si riversano comunque sul sistema sanitario nazionale", commenta il direttore del pronto Soccorso e della Medicina d'Urgenza dell'ospedale di Cuneo, dottor Giuseppe Lauria (TargatoCn.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Due sono già stati trasferiti all’ospedale Covid di Barcellona Pozzo di Gotto e uno è stato portato invece al Papardo. Focolaio Covid fra operatori sanitari vaccinati. Sono scattati i controlli in tutto il reparto e tra il personale sanitario, oggi la conferma di altri casi: nonostante le vaccinazioni tra il personale sanitario sono saliti a undici i contagi. (Imola Oggi)

"Questi gruppi di medici - spiegano i tre portavoce - hanno curato a domicilio decine di pazienti Covid del distretto murgiano con ottimi risultati e con l'ausilio dei loro protocolli terapeutici" "Rafforzamento dell'assistenza domiciliare dei pazienti Covid e attivazione dei protocolli terapeutici precoci". (AltamuraLife)

– Focolaio Covid all’interno dell’ospedale di Taormina, nel Messinese, dove i positivi sarebbero stati trovati all’interno del reparto di Cardiologia. Sembrerebbe che uno dei pazienti versi in gravi condizioni, mentre gli altri due avrebbero uno stato di salute stabile. (NewSicilia)

“Giustizia per nostra madre, morta dopo aver preso il Covid in ospedale”

Focolaio Covid all'ospedale San Vincenzo di Taormina, dove risultano al momento almeno 18 casi di contagio tra personale dipendente del presidio e pazienti. "Stiamo effettuando tamponi in tutto il presidio ospedaliero di Taormina - rende noto il direttore sanitario, Paolo Cardia -. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

L’uomo, nato con la Sindrome di Down, era arrivato al pronto soccorso accompagnato dalla famiglia con un sospetto linfoma. Angelo Parete è morto a 35 anni dopo un ricovero al Policlinico Gemelli di Roma lo scorso 10 gennaio, dove era arrivato per una visita specialistica da Caserta. (Fanpage.it)

I protocolli di tutta l’azienda riguardo la sicurezza Covid sin dalla prima ondata sono stati applicati, aggiornati e rispettati» E uno dei medici che ha seguito la madre avrebbe inoltre riconosciuto di aver loro inizialmente tenuto nascosta la reale gravità delle condizioni della donna. (Prima Milano Ovest)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr