Fortnite e il caso cross-play, il CEO di Epic Games rivela: "Sony unica azienda ad aver richiesto soldi"

Fortnite e il caso cross-play, il CEO di Epic Games rivela: Sony unica azienda ad aver richiesto soldi
Altri dettagli:
IGN Italia SCIENZA E TECNOLOGIA

Poche ore fa, hanno iniziato a circolare in rete alcune email confidenziali tra Sony ed Epic Games, in cui i rappresentanti delle due aziende discutono circa l'implementazione del cross-play in Fortnite.

L'informazione è stata condivisa ancora una volta da Tom Warren, giornalista di The Verge affidato al caso Epic Games vs Apple.

"In certain circumstances Epic will have to pay additional revenue to Sony," said Sweeney. (IGN Italia)

Ne parlano anche altre fonti

Il colosso nipponico, infatti, chiederebbe un compenso sul cross-play per consentirne l’accesso sulle sue piattaforme, oltre che per garantirsi dei guadagni in determinate circostanze. Nuove informazioni giungono dalle divergenze tra Epic Games ed Apple, finite tra le aule legislative. (Tom's Hardware Italia)

Il risultato è che il 13 agosto 2020 Fortnite, e successivamente lo sviluppatore Epic Games, sono stati banditi dall’App Store. Epic: "Apple ci vuole in un recinto e ha margini altissimi". . Le accuse di Epic riguardano soprattutto la volontà di Apple di costruire negli anni un cosiddetto “giardino recintato” di store digitali (App Store, iTunes, Book Store) da sfruttare a proprio vantaggio, quindi ricavando denari, e legandolo strettamente al suo ecosistema informatico. (DDay.it - Digital Day)

Sony ha imposto un pagamento a Epic Games per consentire il cross-play di Fortnite. Nel processo in tribunale riguardante la controversia attualmente in corso tra Epic Games ed Apple è emerso un dettaglio interessante sulla gestione del cross-play su Fortnite in casa PlayStation: pare che Sony richieda ad Epic Games di essere pagata per consentirne l’utilizzo. (Spaziogames.it)

Epic Games contro Apple: l'industria dei videogiochi è nuda

L'idea di un metaverso tipo Ready Player One, per così dire, sembra essere ricorrente nei progetti a lungo termine di Epic Games, a questo punto Sweeney ha inoltre ribadito che Epic Games vuole soltanto modificare questo stato di cose e il comportamento di Apple, senza cercare alcun risarcimento monetario per i danni ricevuti. (Multiplayer.it)

Il caso cross-play rende invece più trasparenti certi movimenti dietro le quinte Uno degli effetti collaterali più interessanti del processo che vede contrapposte Epic Games e Apple, iniziato ufficialmente ieri con la deposizione di Tim Sweeney, il patron di Epic, è l'enorme fuga di notizie, ossia l'emersione di documenti teoricamente riservati con dentro alcuni dei segreti dell'industria dei videogiochi. (Multiplayer.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr