I paradossi dei nuovi Cinquestelle

I paradossi dei nuovi Cinquestelle
Il Mattino INTERNO

Costruttivo: così Giuseppe Conte ha definito l’atteggiamento che i Cinque Stelle terranno sui temi della giustizia.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

Da presidente in pectore del MoVimento, fresco di accordo con Grillo, l’ex premier ha incontrato il nuovo inquilino di Palazzo Chigi per «assicurare il contributo del M5S».

Quanto sia suonata rassicurante alle orecchie di Draghi l’assicurazione di Conte non è dato sapere, ovviamente, anche se lo si capirà presto, dal momento che. (Il Mattino)

Su altre testate

“Ho pensato di non candidarmi – ha detto ancora Conte parlando della sua eventuale corsa per un seggio suppletivo alla Camera -, perché ho preso altri impegni per me prioritari Sarà un approccio costruttivo per migliorare il testo, ha spiegato Conte parlando della giustizia e assicurando di non aver parlato con il premier della possibilità che l’Esecutivo blindi il testo ponendo la questione di fiducia. (LA NOTIZIA)

L'ipotesi, ha anticipato il sottosegretario del ministero della Salute Andrea Costa, è quella di estendere l'utilizzo del green pass, a ristoranti e mezzi pubblici. Conte ha ribadito che sul piano vaccinale e sulla politica sanitaria il governo Draghi gode del pieno sostegno del M5S, e ha annunciato che anche il ddl Zan che punisce la transomofobia ha «l'appoggio» totale del Movimento. (Italia Oggi)

Che è stato il titolo del commento. Chi vivrà vedrà, come giustamente si dice quando non si hanno certezze (Startmag Web magazine)

Conte-Draghi, tregua sul penale. Cartabia avvisa: il ddl non si tocca

Sono gli errori comprensibili di un neofita della politica come l'ex premier. Siamo ai pigmei della politica (il Giornale)

Come muoversi nel perimetro strettissimo imposto da Draghi senza scontentare i duri e puri è il cruccio di queste ore di Conte. (Photo: Francesco Fotia). È nel limbo il Movimento 5 stelle dopo l’incontro di oggi tra Giuseppe Conte e Mario Draghi. (Yahoo Notizie)

Ma secondo Giuseppe Conte e Alfonso Bonafede lo Stato, se vuole, deve poterti tenere appeso a un’accusa anche tutta la vita. Il punto è che la ragionevolezza dei toni un po’ stride con l’impossibilità di superare quella «mediazione» evocata da Cartabia. (Il Dubbio)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr