I NUMERI DEL PIL/ Ecco quanto manca all'Italia per tornare ai livelli pre-Covid

Il Sussidiario.net ECONOMIA

Questo è il valore sul quale si attesterebbe il dato medio del 2021 se il Pil restasse completamente fermo nell’ultimo trimestre dell’anno.

a minaccia per Pil e Governo arriva dalla Germania. 2) Anche la variazione del Pil già acquisita per l’intero anno 2021 sale di un decimo, attestandosi al 6,2%.

2021 (*). (*) Per la sola Grecia il calcolo del recupero è al II trim 2021, non essendo ancora noto il terzo trimestre. (Il Sussidiario.net)

La notizia riportata su altri media

L’evoluzione dell’occupazione, misurata in termini di ULA, seguirà il miglioramento dell’attività economica con un aumento più accentuato nell’anno corrente (+6,1%) rispetto al 2022 (+4,1%). Gli investimenti sosterranno la ripresa con una intensità più accentuata quest’anno (+15,7%) rispetto al 2022 (+7,5%). (Qui News Arezzo)

03.12.2021, Sputnik Italia. 2021-12-03T15:06+0100. 2021-12-03T15:06+0100. 2021-12-03T15:06+0100. italia. economia. /html/head/meta[@name='og:title']/@content /html/head/meta[@name='og:description']/@content. (Sputnik Italia)

Le scorte fornirebbero invece un contributo nullo. Gli investimenti sosterranno la ripresa con una intensità più accentuata quest’anno (+15,7%) rispetto al 2022 (+7,5%). (Qui News Cuoio)

Il deflatore della spesa delle famiglie residenti aumenterà dell’1,8% quest’anno, risentendo dell’attuale fase di accelerazione dell’inflazione che è attesa protrarsi nel 2022 (+2,2%) (ITALPRESS) – Nel biennio 2021-2022 l’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). (Qui News Lucca)

Gli investimenti sosterranno la ripresa con una intensità più accentuata quest’anno (+15,7%) rispetto al 2022 (+7,5%). Il deflatore della spesa delle famiglie residenti aumenterà dell’1,8% quest’anno, risentendo dell’attuale fase di accelerazione dell’inflazione che è attesa protrarsi nel 2022 (+2,2%) (Kongnews)

Istat/Commercio mondiale ed economia domestica spingono le stime. . . . . . . . . di Stefania De Francesco. ROMA. L’aumento del Pil sarà determinato soprattutto dalla domanda interna al netto delle scorte. (America Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr