Individuato il primo caso di vaiolo delle scimmie a Bolzano

Individuato il primo caso di vaiolo delle scimmie a Bolzano
l'Adige SALUTE

Oggi, 22 giugno 2022, il sospetto diagnostico è stato confermato grazie ad un tampone Pcr, spiega l'Azienda sanitaria dell'Alto Adige.

La persona era da poco rientrata da un viaggio in uno dei Paesi ritenuti a rischio.

Confermato anche in Alto Adige il primo caso di vaiolo delle scimmie.

La persona colpita si era presentata ieri al pronto soccorso dell'ospedale di Bolzano lamentando i tipici sintomi della malattia. (l'Adige)

Se ne è parlato anche su altri media

Primo caso di vaiolo delle scimmie in Alto Adige. Il paziente al momento è ricoverato nel Reparto delle malattie infettive con condizioni cliniche non gravi e stabili. (Trentino)

Pubblicità Pubblicità Dalla conferma del sospetto diagnostico, il paziente è stato ricoverato nel reparto malattie infettive in condizioni non gravi. (la VOCE del TRENTINO)

Il paziente al momento è ricoverato nel Reparto delle malattie infettive con condizioni cliniche non gravi e stabili. Il 3 giugno il primo caso in regione era stato identificato in Trentino, su un paziente rientrato dalle Canarie (Trentino)

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Sicilia, contagio a Londra

“Si stanno anche facendo analisi per capire che non ci sia stata una mutazione, per il momento non ci sono segnali in questo senso “Il paziente non è mai stato ospedalizzato, è sempre rimasto a livello ambulatoriale, sta benone. (Ticinonews.ch)

Oggi l’esame eseguito al laboratorio di virologia del Policlinico di Palermo dai professori Giovanni Giammanco e Donatella Ferraro ha confermato la diagnosi Il paziente, un quarantenne del capoluogo siciliano, ha contratto la malattia a Londra, una decina di giorni fa,a causa di un contatto con un positivo e ha accusati i primi sintomi giovedì scorso. (Livesicilia.it)

Oggi l’esame eseguito al laboratorio di virologia del Policlinico di Palermo dai professori Giovanni Giammanco e Donatella Ferraro ha confermato la diagnosi. (BlogSicilia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr