Lavoro, Istat: nel secondo trimestre più 338 mila occupati rispetto al primo

Lavoro, Istat: nel secondo trimestre più 338 mila occupati rispetto al primo
Approfondimenti:
MPS
La Difesa del Popolo ECONOMIA

Lavoro, Istat: nel secondo trimestre più 338 mila occupati rispetto al primo. Nel secondo trimestre 2021 si registra un aumento di 338 mila occupati (+1,5%) rispetto al trimestre precedente, dovuto alla crescita dei dipendenti a tempo indeterminato (80 mila, +0,5%), degli indipendenti (33 mila, +0,7%) e, soprattutto, dei dipendenti a termine (226 mila, +8,3% in tre mesi).

Il confronto tendenziale conferma la crescita del tasso di occupazione (+1,7 punti rispetto al secondo trimestre 2020) e la diminuzione di quello di inattività, accompagnati da un aumento di quello di disoccupazione. (La Difesa del Popolo)

La notizia riportata su altri media

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo [email protected] Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita (AgCult)

Nel secondo trimestre 2021, l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra un aumento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto al secondo trimestre 2020; anche il Pil è aumentato, del 2,7% in termini congiunturali e del 17,3% in termini tendenziali. (gazzettadimilano.it)

Nel 2021 le famiglie che partecipano al Censimento sono 2 milioni 472.400 in 4.531 Comuni sull’intero territorio nazionale. Come partecipare al Censimento: per quanto riguarda il territorio di Vinci, ci saranno quattro rilevatori che fin da subito si recheranno porta a porta presso le famiglie indicate da Istat per procedere con l'intervista. (gonews)

Lavoro, Istat: boom di occupati, ma a tempo determinato. Grazie ai contratti a termine - ItaliaOggi.it

“Nel secondo trimestre 2021, l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra un aumento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto al secondo trimestre 2020; anche il Pil è aumentato, del 2,7% in termini congiunturali e del 17,3% in termini tendenziali, si legge nella nota dell’Istat. (News Mondo)

Su base annua si rileva, invece, un calo del costo del lavoro pari a -3,1% Infatti nel secondo trimestre 2021 l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra un aumento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto al secondo trimestre 2020; anche il Pil è aumentato, del 2,7% in termini congiunturali e del 17,3% in termini tendenziali. (Il Domani d'Italia)

Nel secondo trimestre cala, al 9,8%, anche il tasso di disoccupazione tra i 15 e i 74 anni con una diminuzione di 0,3 punti sul primo e di 1,7 punti sullo stesso periodo del 2020. In crescita sia gli occupati a tempo pieno sia, con maggiore intensità, quelli a tempo parziale (+1,8% e +4,8%, rispettivamente). (Italia Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr