Vaccino Covid, Pfizer annuncia: “Pronto entro novembre”

Vaccino Covid, Pfizer annuncia: “Pronto entro novembre”
Inews24 Inews24 (Salute)

Un primo vaccino anti Covid-19 potrebbe essere pronto a breve.

Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer scrive che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per un'autorizzazione di emergenza del vaccino contro COVID-19 nella terza settimana di novembre 2020.

https://t.co/uFyN0jLzLz pic.twitter.com/hopP1tOB4g — Roberto Burioni (@RobertoBurioni) October 16, 2020. Vaccino Covid, annuncio della Pfizer. (Inews24)

Su altri giornali

Se che per fine novembre un vaccino possa, con procedure di emergenza, essere registrato, allora molto probabilmente sì. Quindi per il momento dobbiamo concentrarci sul rispetto delle regole (noi) e su misure attive di contenimento (stato e regioni)». (Leggo.it)

Intanto anche le società farmaceutiche hanno avviato le procedure per avviare la distribuzione del vaccino. A causa della quantità limitata il vaccino viene offerto a chi si presenta per primo. (Il Sole 24 ORE)

L’immunologo dell’Università San Raffaele di Milano su Twitter ha scritto quanto comunicato dalla Pfzer, la casa farmaceutica americana che sta lavorando al vaccino con la tedesca BioNTeh SE. Vaccino coronavirus, Burioni annuncia che una casa farmaceutica americana è quasi pronta per chiedere l’autorizzazione alla diffusione. (Vesuvius.it)

Vaccino Covid, Pfizer: «Pronti a chiedere il via libera entro novembre»

La casa farmaceutica Pfizer prevede di chiedere l'autorizzazione per il suo vaccino anti-Covid all'agenzia americana Fda nella terza settimana di novembre. E' quanto rende noto l'amministratore delegato, Albert Bourla, in una lettera pubblicata sul sito internet della società e rilanciata dal professor Roberto Burioni. (Yahoo Notizie)

In secondo luogo e altrettanto importante, il vaccino deve essere dimostrato sicuro, con dati di sicurezza affidabili generati da migliaia di pazienti. Non riesco a pensare a una svolta che sarebbe più significativa per un numero maggiore di persone di un vaccino COVID-19 efficace e sicuro”. (Younipa - il blog dell'Università degli Studi di Palermo)

In secondo luogo e in modo altrettanto importante, bisogna dimostrare che il vaccino sia sicuro, con dati affidabili generati da migliaia di pazienti. Infine, dobbiamo dimostrare che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità». (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr