Attacco hacker al sito Inps, Anonymous: «Non è merito nostro, avete fatto tutto da soli»

Leggo.it Leggo.it (Economia)

«», si legge in un tweet del profilo Anonymous Italia.

Caro Inps, vorremmo prenderci il merito di aver buttato giù il vostro sito web, ma la verità è che siete talmente incapaci che avete fatto tutto da soli, togliendoci il divertimento.

Ne parlano anche altre testate

Il principio dell’”ultimo che arriva si attacca” che sembrava essere stato adottato anche per i liberi professionisti per l’accesso al bonus, salvo essere poi smentito dallo stesso Tridico. La notizia di oggi in termini di privacy è il grave data breach che ha colpito l’Inps, preso d’assalto dagli utenti che volevano inoltrare la domanda per ottenere i 600 euro promessi dal governo. (Il Fatto Quotidiano)

È caos nel primo giorno utile per la richiesta del bonus da 600€ dell’Inps da parte dei lavoratori autonomi. Il primo giorno per chiedere il bonus dell’Inps non è andato bene: , domande sospese, violazioni della privacy e attacchi hacker. (AutoMotoriNews)

"Ovviamente nei giorni scorsi abbiamo informato le autorità di sicurezza nazionale, polizia e ministri vigilanti", sottolinea il presidente dell'Inps. 01 aprile 2020 a. a. a. Per ogni problema del governo Conte, la colpa è sempre di qualcun altro. (Liberoquotidiano.it)

Coronavirus: sito Inps fuori uso, dati utenti diventano pubblici Il malfunzionamento del servizio ha scatenato polemiche tra i rappresentanti politici, preoccupati per i rischi dell'attacco hacker. “Il servizio è temporaneamente non disponibile”. (Virgilio Notizie)

Coronavirus, Inps in down: 300mila domande in bilico, potrebbe essere necessario ripetere procedura. Coronavirus, anche l'Inpgi va in tilt: in un'ora 2.000 domande per il bonus di 600 euro. Un solo gestore. (Il Messaggero)

Noi di Balarm abbiamo provato l'accesso nel momento in cui tutto funzionava. (Balarm.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.