Nuova rivoluzione in corso a Cuba, ma stavolta non per motivi politici

Nuova rivoluzione in corso a Cuba, ma stavolta non per motivi politici
Computer Magazine ESTERI

Cuba ha cominciato ad aprirsi ad Internet soltanto nel 2018, e l’idea di questo cellulare “socialista” risponde alle legittime ambizioni di autarchia tecnologica

Adesso Cuba prova a ripartire di slancio, e lo fa gettandosi a capofitto in un settore, quello tecnologico, che non sembra appartenerle più di tanto, la novità in programma però è realmente intrigante.

FORSE TI INTERESSA ANCHE–> App per smartphone fa arrestare centinaia di persone: beccati!

Stando all’annuncio di Radio Rebelde, Cuba proverà a dire la sua in materia di smartphone già entro fine giugno, distribuendo i primi seimila esemplari sugli scaffali dei principali negozi di telefonia che da queste parti fanno capo alle storiche compagnie Copextel ed Etecsa (Empresa De Telecomunicaciones De Cuba S.A. (Computer Magazine)

Ne parlano anche altre testate

Interamente realizzato a Cuba, ecco perché è già stato rinominato lo “smartphone socialista”. I primi prototipi arriveranno entro fine giugno fa sapere il produttore: saranno solo 6mila esemplari in questa prima fase sperimentale e si avvarranno di NovaDroid come sistema operativo. (La Stampa)

Dopo la creazione di vaccini anti Covid propri (unico paese dell’America latina a farlo) il Governo cubano si lancia nelle telecomunicazioni. Accanto ai telefonini, Gedeme intende produrre tablet e computer da destinare in particolare all’informatizzazione della scuola pubblica. (RSI.ch Informazione)

Le prime 6.000 unità inizialmente previste saranno distribuite entro giugno tramite i negozi di Etesca, l’azienda telefonica di Stato, e di Copextel. Poi, nel 2021, Cuba ha deciso di fabbricarsi da sola i propri telefoni. (quoted business)

Cuba, ecco lo smartphone “socialista” auto-prodotto seguendo l'esempio dei vaccini

NovaDroid è una versione alternativa di Android sviluppata dall’Università di Scienze Informatiche (USI), un sistema operativo «fatto dai cubani e per i cubani», capace di adattarsi alle esigenze dei cittadini dell’isola che non possono accedere a tutti i servizi tecnologici. (La Sentinella del Canavese)

L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi dal direttore generale di Gedeme, René Cano Diaz, che è intervenuto Radio Rebelde e la notizia è presto diventata virale. Cuba, ecco lo smartphone “socialista” auto-prodotto seguendo l’esempio dei vaccini. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr