Toscana, i mufloni uccisi nel parco dell’Arcipelago sono 2166: 15mila firme per fermare l’esecuzione

Toscana, i mufloni uccisi nel parco dell’Arcipelago sono 2166: 15mila firme per fermare l’esecuzione
Approfondimenti:
Corriere della Sera INTERNO

Gli animalisti: «Progetto scellerato di sterminio». Le polemiche sulla mattanza (o selezione) dei mufloni dell’Isola del Giglio continua.

Ma il Parco rassicura che non c’è nessuna strage e neppure plotoni di cacciatori ma solo un piano, approvato anche dall’Ue, per tutelare l’ambiente e la biodiversità

di Marco Gasperetti. La cifra comprende gli abbattimenti dal 1997 ad oggi.

«Ne hanno già ammazzati quattro e si continuerà ancora», denunciano gli animalisti. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri media

Come ultima cosa, vorrei ricordare che i mufloni sono nell’Isola del Giglio e non dell’Isola del Giglio perché qui non avrebbero mai dovuto esserci! LETSGO GIGLIO ha come obiettivo migliorare la qualità e il carattere naturale dell’ecosistema presente sull’Isola del Giglio attraverso la tutela di alcune specie animali e vegetali e degli habitat in cui vivono. (BigHunter)

Ad oggi, inoltre, l’Ente Parco non ha mai consultato la popolazione dell’isola in relazione al progetto Life LetsGoGiglio nonostante questo sia previsto dalla Convenzione di Aarhus e stipulato nel progetto LetsGoGiglio. (GiglioNews)

Soddisfatta l’Enpa che «accoglie con grande compiacimento la decisione del presidente Sammuri» e poi spiega: «Avevamo già fatto notare il paradosso delle uccisioni. I mufloni sono stati portati al Giglio negli anni '50 per salvaguardarli e preservare la specie. (La Stampa)

Isola del Giglio: salvi i mufloni

“L'impegno che al momento ci siamo presi è quello di sospendere gli abbattimenti, mentre per parlare di accordo sarà necessario un approfondimento con le associazioni animaliste.”. Il Parco Nazionale ha deciso di sospendere gli abbattimenti come atto di disponibilità verso il mondo animalista, come già affermato dal Presidente Sammuri nei giorni scorsi. (GiglioNews)

Secondo il Codacons, riporta l'esposto, «va anche ribadito che l'Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano non ha effettuato studi sull'Isola del Giglio per determinare se il muflone sia invasivo. Ma le isole Hawaii sono tropicali e hanno una flora completamente diversa da quella del Giglio. (La Nazione)

Decisiva, infine, l’interlocuzione di Michela Vittoria Brambilla, presidente dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, con il presidente del Parco dell’Arcipelago Toscano, Giampiero Sammuri. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr