Instagram, furgoni e Poste: così da Milano i documenti falsi vanno (anche) nelle mani dei terroristi

Instagram, furgoni e Poste: così da Milano i documenti falsi vanno (anche) nelle mani dei terroristi
MilanoToday.it INTERNO

Così, da almeno un paio di anni, il capoluogo meneghino era diventato il centro di un giro di documenti falsi arrivati praticamente in ogni angolo d'Europa.

"Quelli che abbiamo arrestato non sono terroristi - ha sottolineato il pm Alberto Nobili -, ma sono persone che hanno messo falsi documenti d'identità anche in mano ai terroristi

Sgominata banda specializzata nel falsificare i documenti: 7 in manette. (MilanoToday.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

La Polizia di Stato ha eseguito a Milano ed in altre città della Lombardia, sette misure restrittive della libertà personale, a carico di un cittadino russo di etnia cecena e sei cittadini ucraini, e due perquisizioni personali. (Questure sul web)

Documenti che sarebbero finiti ad almeno trenta soggetti contigui al terrorismo islamico coinvolti in indagini svolte praticamente in tutti i Paesi europei. Venerdì 11 giugno 2021 - 17:12. (askanews)

"Creavano anche atti di nascita falsi - ha aggiunto Carmine Mele, il dirigente della sezione antiterrorismo della Digos - Avevano il potere di far nascere le persone". Sono accusate di aver procurato migliaia di documenti falsi, anche per l'attentatore di Vienna del novembre scorso e per foreign fighters, sette persone arrestate dalla Polizia a Milano e in altre città della Lombardia. (La Repubblica)

Traffico di documenti falsi, sette arresti in Lombardia

La Polizia di Stato ha eseguito a Milano ed in altre città della Lombardia, sette misure restrittive della libertà personale, a carico di un cittadino russo di etnia cecena e sei cittadini ucraini, e due perquisizioni personali. (Osservatore Meneghino)

Il sospetto, ancora da provare, è che proprio l’intermediario di Varese fosse in contatto diretto con l’attentatore o che in qualche modo lo abbia sostenuto nell’attività criminale. Le indagini coordinate dal pool antiterrorismo della procura di Milano sono state affidate, per la parte che riguarda i soggetti legati alle associazioni terroristiche, anche alla Polizia e alla Digos. (Il Sole 24 ORE)

Si tratta di un cittadino russo di etnia cecena e sei cittadini ucraini, appartenenti a un'organizzazione transnazionale specializzata nel traffico di documenti falsi e contraffatti in area Schengen e in area balcanica. (WelfareNetwork)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr