Vaiolo delle scimmie, al via la vaccinazione in Italia: “Esclusa necessità di campagna di massa”

Vaiolo delle scimmie, al via la vaccinazione in Italia: “Esclusa necessità di campagna di massa”
Il Fatto Quotidiano SALUTE

In previsione della successiva tranche saranno nuovamente stabiliti i criteri e il piano di distribuzione delle dosi ulteriormente disponibili, in accordo con le Regioni e le pubbliche amministrazioni.

Con una nota, la Regione Lazio ha fatto sapere che da lunedì 8 agosto l’Istituto Spallanzani di Roma avvierà la vaccinazione

Una quota di vaccino resterà stoccata presso il Ministero della Salute, per eventuali emergenze. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altri giornali

Se a Roma l’Istituto Spallanzani può già contare sulla fornitura iniziando domani a somministrare le 1.200 dosi riservate al Lazio (che a giovedì aveva poco più di metà dei casi registrati nella sola Ats di Milano), le altre regioni devono attendere la consegna della prima tranche da 5.300 dosi donate all’Italia dalla Commissione europea: 4.200 ripartite tra Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna (600) e Veneto (400), in quanto più colpite dal virus, le altre distribuite a richiesta col limite di 60 dosi, perché una quota sarà stoccata al Ministero in attesa della seconda tranche della donazione di totali 16 mila dosi. (IL GIORNO)

Privilegiati innanzitutto i 'soggetti a rischio' e le zone geografiche che hanno registrato più casi: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna e Veneto. (Sky Tg24 )

Giovedì scorso erano dodici i casi diagnosticati al Papa Giovanni, più otto soggetti bergamaschi che si erano rivolti ad altre strutture lombarde. Lieve aumento dei casi di vaiolo delle scimmie in Bergamasca: sono quattordici quelli confermati. (Prima Bergamo)

Vaiolo delle scimmie, parte la vaccinazione: per ora solo le categorie a rischio

Il ministero della Salute ha dato il via libera alla somministrazione delle prime dosi di vaccino contro il vaiolo delle scimmie in Italia. Vediamo chi deve sottoporsi al vaccino contro il vaiolo delle scimmie. (Money.it)

La vaccinazione sarà diretta a: personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus; persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM). (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Non ci sarà al momento una vaccinazione di massa ma intanto, il ministero della Salute ha indicato quali sono le categorie a rischio per le quali è raccomandata la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie: 4.200 saranno distribuite nelle 4 regioni più colpite: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna e Veneto. (Casteddu Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr