Coronavirus, quasi 20.000 morti in più secondo l’Inps: i numeri sulla mortalità

Coronavirus, quasi 20.000 morti in più secondo l’Inps: i numeri sulla mortalità
Thesocialpost.it Thesocialpost.it (Interno)

Approfondisci. TUTTO sul Coronavirus. Coronavirus, il ricordo straziante del militare che trasportò le bare di Bergamo

I dati sulla mortalità in Italia forniti dall’Inps. A inizio anno, riporta INPS, i dati erano ben diversi: in Italia c’era meno mortalità del previsto, poi è arrivata la pandemia.

Ne parlano anche altri giornali

Tra gli attualmente positivi, 640 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 36 pazienti rispetto a ieri. 9.269 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 355 pazienti rispetto a ieri. (Rai News)

Pertanto questo numero non tiene conto delle vittime e dei guariti, che non essendo più positivi al virus vengono sottratti prima di aggiungere i nuovi tamponi positivi. Nel conteggio delle vittime sono presenti sia quelle “con coronavirus” che “per coronavirus”. (InMeteo)

L'Inps fa 'parlare' i numeri: «Il periodo dal 1° gennaio al 28 febbraio 2020 registra un numero di decessi inferiore di 10.148 rispetto ai 124.662 attesi dalla baseline. Secondo l'Inps, i numeri sono molto diversi da quelli ufficiali della, che conta più di 32mila vittime dall'inizio della pandemia. (Leggo.it)

A fare chiarezza statistica è l’analisi della mortalità nel periodo di epidemia da Covid-19 redatta dall’Inps, che spiega: «La quantificazione dei decessi per coronavirus, condotta utilizzando il numero di pazienti deceduti positivi fornito su base giornaliera dal dipartimento della Protezione Civile, è considerata poco attendibile, in quanto influenzata non solo dalla modalità di classificazione della causa di morte, ma anche dall’esecuzione di un test di positività al virus». (Corriere della Sera)

Numeri che restano alti ma che fanno ben sperare in relazione ad una possibile discesa del contagio in Italia che è entrata da pochi giorni nella cosiddetta fase 2. Positiva, in ogni caso, la cosa che i casi non siano cresciute dopo più di due settimane di riaperture. (CalcioNapoli24)

Il periodo dal primo marzo al 30 aprile 2020 registra un aumento di 46.909 decessi rispetto ai 109.520 attesi”. Finora i morti ufficiali, secondo il bollettino che viene diramato ogni giorno, superano le 32 mila unità. (Caffeina Magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti