Faida dei trapper, Simba La Rue: "Ho umiliato Baby Touché in video ma poi eravamo d'accordo su trarne visibilità"

La Repubblica INTERNO

Il legale del trapper: "E' molto provato e rammaricato"

Faida dei trapper, Simba La Rue: "Ho umiliato Baby Touché in video ma poi eravamo d'accordo su trarne visibilità" di Manuela Messina. Ultimo interrogato dei nove arrestati per la vicenda di pestaggi e rapimenti: "Mi sono reso conto dell'assurdità di tutto quello che è successo che non giova a nessuno".

(La Repubblica)

Su altre fonti

Il gip Salvini potrebbe decidere già domani sulla richiesta di revoca degli arresti chiesta dal difensore per tutti i nove arrestati. Secondo Simba La Rue, tutto è degenerato quando è stato accoltellato a Padova il suo braccio destro, Carter Gapea (ilgazzettino.it)

«All’esito di tale consulenza la posizione dell’indagato sotto il profilo dello status libertatis potrà essere rivalutata», si legge nell’ordinanza (Corriere Milano)

Simba La Rue si era difeso dall'accusa di avere rapito il rivale affermando che si fosse trattato di un rapimento finto, concordato con Baby Touchè per ottenere (entrambi) la massima visibilità sui social network. (MilanoToday.it)

A cura di Ilaria Quattrone. È ancora alta l'attenzione sulla faida tra i trapper Simba La Rue e Baby Touché: vera o presunta che sia, a Simba La Rue – al secolo Mohamed Lamine Saida – una custodia cautelare in carcere. (Fanpage.it)

Per Simba La Rue la permanenza dietro le sbarre di San Vittore potrebbe durare poco. Lo ha deciso il gip di Milano Guido Salvini secondo il quale "non appare allo stato credibile" la descrizione di quanto accaduto lo scorso 9 giugno in via Boifava. (La Sicilia)

I giovani, tutti residenti nel lecchese, hanno dato vita ad agguati, ma anche accoltellamenti e infine sequestri di persona, quest’ultimo nel caso specifico del trapper rivale Baby Touchè, all’anagrafe Mohamed Amagour (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr