Spionaggio internazionale, "Pegasus" travolge l'Ungheria: nuovo scandalo per Orbán

Spionaggio internazionale, Pegasus travolge l'Ungheria: nuovo scandalo per Orbán
Euronews Italiano ESTERI

È lo scandalo "Pegasus", dal nome del malware malandrino, che travolge per l'ennesima volta il governo del premier Viktor Orbán.

Giornalisti, personaggi pubblici, sindacalisti, religiosi, accademici, politici: tutti spiati dal governo di Budapest (ma non solo) attraverso i loro smartphone.

Lo scandalo Pegasus, comunque, è ben lontano dall'essere finito".

"Lo scandalo Pegasus è ben lontano dall'essere finito"

Dávid Dercsényi lavora al settimanale HVG ed è uno dei cronisti sotto spionaggio. (Euronews Italiano)

Su altre fonti

Diversi governi “autoritari” hanno utilizzato un software per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. Il programma, commercializzato dall’israeliano Nso Group e chiamato Pegasus, è stato creato per consentire ai governi di seguire terroristi e criminali. (L'Unione Sarda.it)

Un software israeliano è stato utilizzato da diversi Governi autoritari per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. Tra i Governi che l'hanno usato per spiare ci sarebbe - scrive il Wp - anche quello ungherese di Victor Orban. (RSI.ch Informazione)

Ma da un’analisi di un piccolo numero di dispositivi emerge che circa il 50% di questi erano stati infettati. Anche se i telefoni elencati coprivano più di 45 Paesi in quattro continenti, tra cui più di 1.000 numeri in Stati europei. (Il Fatto Quotidiano)

Scandalo software-spia. Bufera anche su Orbán

E' quanto emerge dai leak di un'indagine condotta dal Washington Post e altre 16 testate internazionali. 18 luglio 2021 a. a. a. Il governo Orban e diversi governi definiti "autoritari" avrebbero utilizzato un software israeliano per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. (Liberoquotidiano.it)

COS'E' PEGASUS. Pegasus è concepito per aggirare le difese degli iPhones e degli smartphone Android. Nella lista, secondo il Washington Post, figurano anche primi ministri. (Adnkronos)

Secondo Edward Snowden, che rivelò i programmi di sorveglianza di massa della National Security Agency, «questo leak diventerà la storia dell'anno». C'è anche il governo ungherese di Viktor Orbán tra quelli che si sarebbero serviti di uno sofisticato spyware, Pegasus, per «spiare» in tutto il mondo centinaia tra giornalisti, avvocati e altre personalità di opposizione a regimi autoritari. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr