Lira turca allo sbando, per Mark Mobius una crisi valutaria toccherà presto anche altri paesi emergenti

Lira turca allo sbando, per Mark Mobius una crisi valutaria toccherà presto anche altri paesi emergenti
Finanzaonline.com ECONOMIA

Un’analisi rilasciata la settimana scorsa dalla banca d’investimento Nomura ha indicato che i quattro mercati emergenti più a rischio di una crisi dei tassi di cambio sono Egitto, Romania, Turchia e Sri Lanka.

Mobius non ha specificato quali altri paesi sono vulnerabili a una crisi valutaria ma la buona notizia a suo dire è che dalla crisi finanziaria asiatica del 1997, molti mercati emergenti hanno preso in prestito di più nelle loro valute locali. (Finanzaonline.com)

Su altre testate

Anche l'Apple Store può essere indicatore di una situazione politico-economica ai limiti del collasso. Una volatilità talmente grave da aver portato diversi negozi online a bloccare le vendite dei propri prodotti. (HDblog)

La lira turca è in caduta libera. È relativamente facile spiegare perché la lira turca è crollata di oltre il 40% quest’anno e di oltre il 300% negli ultimi 15 anni. Ora, mentre la lira turca si è stabilizzata, alcuni analisti ritengono che la situazione potrebbe peggiorare presto. (Invezz)

“Lascia tutto e vieni in piazza!”. (Il Fatto Quotidiano)

USD/TRY: il crollo della lira turca potrebbe aggravarsi – Istanbul Economics

Da inizio anno ha perso il 42% del valore. Il leader turco non ha nemmeno risparmiato attacchi a quanti criticano la politica economica impressa dal governo e dall’Akp (Partito di giustizia e sviluppo). (Corrispondenza romana)

Entro la fine dell’anno la Turchia potrebbe raggiungere una crescita a doppia cifra. Una previsione che potrebbe portare la Turchia a diventare l’Argentina dell’Egeo e costringere il paese a chiedere assistenza al Fondo monetario internazionale. (Domani)

(Reuters) - La Turchia è intenzionata a proseguire con la politica di riduzione dei tassi di interesse e gli "attacchi manipolatori" sulla lira, che è crollata ai minimi storici questa settimana, non avranno alcun effetto catastrofico a lungo termine. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr