Morto l’ambasciatore Attanasio in RD Congo, Fontana: “Caduto mentre onorava il nome dell’Italia”

Morto l’ambasciatore Attanasio in RD Congo, Fontana: “Caduto mentre onorava il nome dell’Italia”
Fanpage.it INTERNO

Così con un post Facebook il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana annuncia il suo cordoglio per quanto successo nell'attentato nella Repubblica Democratica del Congo.

"Stava portando avanti diverse missioni umanitarie per la stabilizzazione del Paese africano.

Dalla Pro Loco del paese invece lo ricordano così: "Un esempio e un'eccellenza per la nostra città

Prima tra tutti quelli del Comune di Limbiate, paese in provincia di Monza e Brianza dove Luca era cresciuto e dove qui tutti lo conoscevano. (Fanpage.it)

La notizia riportata su altri media

«Molto meglio quattro persone che cenano al ristorante sedute a un tavolo distanziate, che gli assembramenti che abbiamo visto domenica davanti allo stadio di San Siro o la sera fuori dai bar": è quanto dice il governatore leghista della Lombardia, Attilio Fontana, in una intervista a Repubblica. (SondrioToday)

Molto meglio quattro persone che cenano sedute a un tavolo distanziate, che gli assembramenti che abbiamo visto domenica davanti allo stadio di San Siro o la sera fuori dai bar": a dirlo in un'intervista al quotidiano "La Repubblica" è il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana (Fanpage.it)

Da tempo la nostra amministrazione chiede lockdown mirati”. Anche la delegata alla Sanità del Comune, Donatella Albini, insiste: “Per rispetto dei morti e della sofferenza degli ospedali serve la zona rossa” (LaPresse)

Il Bresciano in ‘arancione rafforzato’. La vicesindaca: “La zona rossa era più indicata”

Queste sono le due ipotesi avanzate dal governatore lombardo Attilio Fontana stando alle sue dichiarazioni riportate da Italpress. Nelle volontà del Governatore quindi, sarebbe esclusa almeno per il momento l’istituzione della zona rossa provinciale ventilata da più parti nelle ultime ore alla luce dei dati sulla diffusione del contagio. (elivebrescia.tv)

Meglio dare un po’ di libertà controllata che regole rigide che vengono violate senza che nessuno intervenga”. Inoltre, “visto che stanno emergendo delle varianti mi auguro che anche le imprese farmaceutiche lombarde producano il vaccino (L'HuffPost)

La didattica torna a distanza nelle scuole di ogni ordine e grado, giù la claire anche per bar e ristoranti. Negli Spedali Civili di Brescia: "La seconda ondata non è mai terminata". (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr