Tromba d'aria a Falconara. "Avevamo paura di morire"

Tromba d'aria a Falconara. Avevamo paura di morire
il Resto del Carlino INTERNO

Ci sarà tempo per quantificare con certezza quanto andato in fumo, attrezzature e arredi, distrutti da una tromba d’aria marina "mai vista prima così forte da queste parti"

Falconara (Ancona), 18 luglio 2021 - "Avevamo paura di morire", urla un bagnino dalla spiaggia una volta passata la tempesta.

La tromba d’aria, dopo aver distrutto l’ex "Marcello e Valter", si è spostata più verso sud, centrando in pieno il Siesta. (il Resto del Carlino)

Su altre fonti

Finora hanno però senz’altro colpito l’immaginario la formazione di grosse nubi minacciosamente gravide di acqua viste all’orizzonte e una tromba d’aria che ha scaricato tutta la sua potenza al largo del mar Ionio. (Lecceprima.it)

Per domani, secondo la Protezione civile regionale, sono previsti nuovi temporali Gli operatori balneari si sono subito mobilitati, eccezionali, e poi la nostra polizia locale, operai comunali e protezione civile. (Gazzetta del Sud)

«La tromba d’aria ci ha colpito al cuore – dice Stefano Sensini – perché dopo il Covid e le tante difficoltà dovute alla pandemia ce la stavamo cavando bene. E’ vero che era stato diramato un allarme meteo ma nessuno poteva prevedere una tromba d’aria così violenta e repentina. (QDM Notizie)

Paura a Falconara, violenta tromba d’aria colpisce la spiaggia: ombrelloni spezzati e lettini capovolti…

La "goccia fredda" scende verso Sud tra pioggia, trombe d'aria e paurosi accumuli di nubi. A Mesagne, nel Brindisino, strade allagate per il nubigragio improvviso. (quotidianodipuglia.it)

Seppur breve, è stata violenta e devastante anche se, fortunatamente al momento, non si lamentano feriti ma solo ingenti danni. Meteo Cronaca DIRETTA: MARCHE, Improvvisa TROMBA MARINA TRAVOLGE il LUNGOMARE di FALCONARA, ci sono DANNI. (iLMeteo.it)

Le immagini mostrano lo spettacolare fenomeno atmosferico e gli ingenti danni da esso causati La forza distruttiva del vento ha spazzato via gran parte delle attrezzature che si trovavano all’interno degli stabilimenti balneari sul litorale, compresi ombrelloni e sdraio. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr